03/07/2014, 00.00
PAKISTAN

Invia ad un amico

Peggiora la salute di Asia Bibi, attivisti cristiani e musulmani chiedono la sua liberazione

di Jibran Khan
Familiari e avvocati denunciano un peggioramento del quadro clinico “psicologico e fisico” della donna. Sacerdote a Lahore conferma l’attenzione e le preghiere della Chiesa pakistana. Presentata una petizione perché venga fissata la data del processo di appello. Attivista musulmano: tempo di fare “giustizia”.

Lahore (AsiaNews) - "Condanniamo con forza l'atteggiamento della magistratura. Asia Bibi ha sofferto ormai abbastanza, anche la sua famiglia ha sofferto. Ora è tempo che venga fatta giustizia, che le siano fornite le cure necessarie; i giudici devono affrontare immediatamente il suo caso". È quanto afferma ad AsiaNews l'attivista pro diritti umani Akeel Ali Mehdi, un musulmano, che riporta l'attenzione sul dramma della madre cristiana di cinque figli, condannata a morte per blasfemia e da anni in attesa del processo di appello. Preoccupazioni condivise da p. Ilyas John, sacerdote e attivista dell'arcidiocesi di Lahore, che conferma il rapido "peggioramento" dello stato di salute "psicologica e fisica"; egli chiede "cure mediche immediate" e conferma l'attenzione e le preghiere della Chiesa per Asia Bibi e Sawan Masih, un giovane anch'egli in carcere con una condanna a morte in base alla "legge nera". 

Asia Bibi, dal novembre 2010 nel braccio della morte, in regime di isolamento per motivi di sicurezza, è da tempo un simbolo della lotta contro la blasfemia; per averla difesa, nel 2011 gli estremisti islamici hanno massacrato il governatore del Punjab Salman Taseer e il ministro federale per le Minoranze religiose Shahbaz Bhatti, cattolico. La comunità cristiana pakistana ha promosso giornate di digiuno e preghiera - cui hanno aderito anche musulmani - per la sua liberazione.

Nelle scorse settimane la Corte di appello di Lahore ha più volte rimandato l'inizio del processo di secondo grado, perseguendo - secondo i legali della donna - una tattica dilatoria grazie a espedienti legali di vario tipo. L'ultimo episodio risale a fine maggio, quando il fascicolo relativo ad Asia Bibi è scomparso senza motivo dalla lista delle udienze. Fonti locali riferiscono che i magistrati non vogliono assumersi l'onere di emettere un giudizio sul suo caso, mentre "ordini superiori" spingono a rimandare il momento del verdetto.

Gli avvocati Sardar Khan Chaudhry e Sardar Mushtaq Gill hanno depositato una nuova petizione, perché venga fissata una data e prenda il via il processo di appello. La società civile e diversi politici, non solo cristiani, stanno perorando la causa della donna attraverso campagne di sensibilizzazione e iniziative volte a ottenerne il rilascio. Nella petizione presentata alle autorità si parla anche di una salute "psicologica e fisica" in rapido peggioramento, confermata anche dalla famiglia che l'ha incontrata nelle scorse settimane. Dal ministero degli Interni riferiscono che la donna può disporre di due visite mediche mensili, mentre i vertici della prigione parlano di rapporti medici "montati ad arte". Tuttavia, difesa e parenti rilanciano l'allarme sulle sue condizioni e chiedono cure mediche approfondite, assieme ad una data certa per il processo di appello. 

Con più di 180 milioni di abitanti (di cui il 97% professa l'islam), il Pakistan è la sesta nazione più popolosa al mondo ed è il secondo fra i Paesi musulmani dopo l'Indonesia. Circa l'80% è musulmano sunnita, mentre gli sciiti sono il 20% del totale. Vi sono inoltre presenze di indù (1,85%), cristiani (1,6%) e sikh (0,04%). Decine gli episodi di violenze, fra attacchi mirati contro intere comunità (Gojra nel 2009 o alla Joseph Colony di Lahore nel marzo 2013), luoghi di culto (Peshawar nel settembre scorso) o abusi contro singoli individui (Sawan Masih e Asia Bibi, Rimsha Masih o il giovane Robert Fanish Masih, anch'egli morto in cella), spesso perpetrati col pretesto delle leggi sulla blasfemia.

 

 

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Candele accese per Asia Bibi. Vescovo di Islamabad: la fede la renderà libera
20/04/2011
Lahore: minacce di morte per l'avvocato di Asia Bibi e attivisti pro diritti umani
07/01/2012
Il Natale in carcere di Asia Bibi, condannata a morte per blasfemia
20/12/2011
Ministro pakistano all’Interpol e al Papa: punite il rogo del Corano in Florida
31/03/2011
Shahbaz Batthi ucciso da una “mafia” di fondamentalisti che tengono in ostaggio il governo
30/03/2011