26 Settembre 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  •    - Afghanistan
  •    - Bangladesh
  •    - Bhutan
  •    - India
  •    - Nepal
  •    - Pakistan
  •    - Sri Lanka
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 03/07/2014, 00.00

    PAKISTAN


    Peggiora la salute di Asia Bibi, attivisti cristiani e musulmani chiedono la sua liberazione

    Jibran Khan

    Familiari e avvocati denunciano un peggioramento del quadro clinico “psicologico e fisico” della donna. Sacerdote a Lahore conferma l’attenzione e le preghiere della Chiesa pakistana. Presentata una petizione perché venga fissata la data del processo di appello. Attivista musulmano: tempo di fare “giustizia”.

    Lahore (AsiaNews) - "Condanniamo con forza l'atteggiamento della magistratura. Asia Bibi ha sofferto ormai abbastanza, anche la sua famiglia ha sofferto. Ora è tempo che venga fatta giustizia, che le siano fornite le cure necessarie; i giudici devono affrontare immediatamente il suo caso". È quanto afferma ad AsiaNews l'attivista pro diritti umani Akeel Ali Mehdi, un musulmano, che riporta l'attenzione sul dramma della madre cristiana di cinque figli, condannata a morte per blasfemia e da anni in attesa del processo di appello. Preoccupazioni condivise da p. Ilyas John, sacerdote e attivista dell'arcidiocesi di Lahore, che conferma il rapido "peggioramento" dello stato di salute "psicologica e fisica"; egli chiede "cure mediche immediate" e conferma l'attenzione e le preghiere della Chiesa per Asia Bibi e Sawan Masih, un giovane anch'egli in carcere con una condanna a morte in base alla "legge nera". 

    Asia Bibi, dal novembre 2010 nel braccio della morte, in regime di isolamento per motivi di sicurezza, è da tempo un simbolo della lotta contro la blasfemia; per averla difesa, nel 2011 gli estremisti islamici hanno massacrato il governatore del Punjab Salman Taseer e il ministro federale per le Minoranze religiose Shahbaz Bhatti, cattolico. La comunità cristiana pakistana ha promosso giornate di digiuno e preghiera - cui hanno aderito anche musulmani - per la sua liberazione.

    Nelle scorse settimane la Corte di appello di Lahore ha più volte rimandato l'inizio del processo di secondo grado, perseguendo - secondo i legali della donna - una tattica dilatoria grazie a espedienti legali di vario tipo. L'ultimo episodio risale a fine maggio, quando il fascicolo relativo ad Asia Bibi è scomparso senza motivo dalla lista delle udienze. Fonti locali riferiscono che i magistrati non vogliono assumersi l'onere di emettere un giudizio sul suo caso, mentre "ordini superiori" spingono a rimandare il momento del verdetto.

    Gli avvocati Sardar Khan Chaudhry e Sardar Mushtaq Gill hanno depositato una nuova petizione, perché venga fissata una data e prenda il via il processo di appello. La società civile e diversi politici, non solo cristiani, stanno perorando la causa della donna attraverso campagne di sensibilizzazione e iniziative volte a ottenerne il rilascio. Nella petizione presentata alle autorità si parla anche di una salute "psicologica e fisica" in rapido peggioramento, confermata anche dalla famiglia che l'ha incontrata nelle scorse settimane. Dal ministero degli Interni riferiscono che la donna può disporre di due visite mediche mensili, mentre i vertici della prigione parlano di rapporti medici "montati ad arte". Tuttavia, difesa e parenti rilanciano l'allarme sulle sue condizioni e chiedono cure mediche approfondite, assieme ad una data certa per il processo di appello. 

    Con più di 180 milioni di abitanti (di cui il 97% professa l'islam), il Pakistan è la sesta nazione più popolosa al mondo ed è il secondo fra i Paesi musulmani dopo l'Indonesia. Circa l'80% è musulmano sunnita, mentre gli sciiti sono il 20% del totale. Vi sono inoltre presenze di indù (1,85%), cristiani (1,6%) e sikh (0,04%). Decine gli episodi di violenze, fra attacchi mirati contro intere comunità (Gojra nel 2009 o alla Joseph Colony di Lahore nel marzo 2013), luoghi di culto (Peshawar nel settembre scorso) o abusi contro singoli individui (Sawan Masih e Asia Bibi, Rimsha Masih o il giovane Robert Fanish Masih, anch'egli morto in cella), spesso perpetrati col pretesto delle leggi sulla blasfemia.

     

     

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    07/01/2012 PAKISTAN
    Lahore: minacce di morte per l'avvocato di Asia Bibi e attivisti pro diritti umani
    Il legale della donna ha ultimato l’istanza di appello, ma non vengono forniti particolari dettagli per preservarne l’incolumità. Leader islamici e gruppi estremisti pronti a colpire quanti si battono per la sua liberazione. Dalla Masihi Foundation un ringraziamento per le parole di papa Benedetto XVI, fonte di incoraggiamento.

    20/12/2011 PAKISTAN
    Il Natale in carcere di Asia Bibi, condannata a morte per blasfemia
    La donna appare fragile, in precarie condizioni di salute. Ringrazia per le preghiere e chiede aiuto e sostegno, perché possa tornare presto a riabbracciare il marito e le figlie. Nonostante le sofferenze, Asia ha perdonato le sue aguzzine e si chiede quante vittime cristiane mieterà ancora in futuro la “legge nera”.

    20/04/2011 PAKISTAN
    Candele accese per Asia Bibi. Vescovo di Islamabad: la fede la renderà libera
    In Pakistan e in tutto il mondo preghiere e messe speciali per la 45enne cristiana, condannata a morte per blasfemia. Intanto è al sicuro con la famiglia Arif Masih, arrestato e poi prosciolto in base alla legge nera. Ad AsiaNews dichiara di essere in buone condizioni, in carcere nessuna violenza. Nuovo attacco contro un cristiano a Mardan.

    17/03/2011 PAKISTAN
    Cristiano "blasfemo" sarebbe morto di infarto. I parenti: avvelenamento
    Il medico legale parla di morte per arresto cardiaco. La famiglia denuncia le ripetute minacce di morte ricevute dal marito, dopo l’assassinio di Salman Taseer e Shahbaz Bhatti. Per gli attivisit cristiani egli è l’ennesima vittima delle leggi sulla blasfemia. Timori per Asia Bibi: è lei “la prossima della lista”.

    15/03/2011 PAKISTAN
    Karachi: muore cristiano in carcere per blasfemia. Attivisti: circostanze sospette
    Qamar David, imbianchino originario del Punjab, era stato accusato da un rivale in affari di aver insultato il profeta Maometto. In galera dal 2006, aveva subito violenze da secondini e detenuti. L’uomo è morto per un infarto, ma gruppi pro-diritti umani chiedono un’inchiesta. Vescovo di Islamabad: accuse false, è tempo di abolire la “legge nera”.



    In evidenza

    SIMPOSIO ASIANEWS
    Madre Teresa, la Misericordia per l’Asia e per il mondo (VIDEO)



    Pubblichiamo le registrazioni video degli interventi che si sono susseguiti durante il Simposio internazionale organizzato da AsiaNews il 2 settembre scorso. In ordine intervengono: P. Ferruccio Brambillasca, Superiore Generale del PIME; Card. Fernando Filoni, Prefetto della Congregazione di Propaganda Fide; Sr. Mary Prema, Superiora Generale delle Missionarie della Carità; P. Brian Kolodiejchuk, postulatore della Causa della Madre; Card. Oswald Gracias, arcivescovo di Mumbai; P. John A. Worthley, sull'influenza di Madre Teresa in Cina; una testimonianza sull'influenza di Madre Teresa nel mondo islamico; mons. Paul Hinder, vicario apostolico dell’Arabia meridionale.


    CINA - VATICANO
    Pechino diffonde la nuova bozza di regolamenti sulle attività religiose. Più dura

    Bernardo Cervellera

    Multe fino a 200mila yuan (27mila euro) per “attività religiose illegali” da parte di cattolici o altri membri di comunità sotterranee. Fra le “attività illegali” vi è la “dipendenza dall’estero” (ad esempio il rapporto col Vaticano). Si predica la non discriminazione, ma ai membri del partito è proibito praticare la religione anche in privato. Precisi controlli su edifici, statue, croci. Controlli serrati anche su internet. Forse è la fine delle comunità sotterranee.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®