27 Marzo 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 21/07/2016, 11.25

    BANGLADESH

    Per il governo di Dhaka almeno 11 Ong finanziano gruppi terroristici

    Sumon Corraya

    Le organizzazioni avrebbero ricevuto il denaro fin dal 2012. I fondi provengono da Paesi del Medio Oriente – come Kuwait, Qatar e Arabia saudita – e Regno Unito. I gruppi islamici hanno aperto scuole, madrasse, ospedali e centri di formazione. Almeno 231 associazioni avrebbero foraggiato il terrorismo, con 500mila dipendenti su tutto il territorio.

    Dhaka (AsiaNews) – Nel tentativo di frenare la diffusione dell’islam radicale che ha portato alla strage di stranieri nel caffè di Dhaka, le autorità del Bangladesh hanno messo sotto osservazione 11 organizzazioni non governative (Ong). Esse sono sospettate di aver ricevuto fondi dall’estero per finanziare gruppi terroristici banditi in patria. Fonti vicine al governo rivelano che le Ong in questione avrebbero ricevuto il denaro a partire dal 2012 e invece di spenderlo in attività di sviluppo per combattere la povertà – come dichiarato in via ufficiale – lo avrebbero consegnato nelle mani dei militanti islamici.

    Tra le organizzazioni sorvegliate vi sono diversi nomi noti: Muslim Add Bangladesh, Rabata Al-Alam Al-Islmi, Qater Charitable Society, Islamic Relief Agency, Kuwait Joint Relief Committee, solo per citarne alcuni. Nel corso degli anni, le Ong hanno ricevuto finanziamenti da vari Paesi del Medio Oriente – come Kuwait, Qatar e Arabia saudita – e dal Regno Unito.

    K M Abuds Salam, direttore generale dell’Ufficio per gli affari delle Ong, ha dichiarato: “Stiamo monitorando le organizzazioni. Se accerteremo il loro coinvolgimento in attività terroristiche, prenderemo seri provvedimenti”.

    Negli ultimi anni il Paese ha assistito ad una pericolosa deriva islamica, che ha portato all’uccisione di circa 40 persone, tra cui cristiani, indù, stranieri, blogger e attivisti Lgbt. La maggior parte di essi sono stati trucidati in pieno giorno a colpi di machete.

    In Bangladesh vivono circa 160 milioni di persone, di cui la maggioranza professa la fede islamica. Gruppi islamici radicali hanno fondato college, scuole, madrasse (scuole islamiche), gestiscono ospedali e centri di formazione.

    Secondo il professor Abul Barakat, almeno 231 organizzazioni avrebbero ricevuto fondi per foraggiare il terrorismo. “Grazie a questi soldi – afferma – esse impiegano a tempo pieno 500mila lavoratori. Ma il Corano non predica il jihad (guerra santa) violento”.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    27/08/2016 12:37:00 BANGLADESH
    Dhaka, ucciso il mandante della strage nel bar per stranieri

    Tamim Ahmed Chowdhury era arrivato dal Canada nel 2013 e da quel momento aveva fatto perdere le sue tracce. Nel blitz di questa mattina sono morti altri due terroristi, dall’identità ignota. Il pianificatore della strage al caffè della capitale aveva creato una nuova branca del gruppo islamico Jama’atul Mujahideen Bangladesh.



    02/08/2016 08:56:00 BANGLADESH
    Dhaka, migliaia di studenti formano una catena umana contro il terrorismo (Foto)

    Studenti, docenti e impiegati delle scuole hanno risposto in massa all’invito delle autorità. La manifestazione si è svolta ad un mese esatto dalla strage di Dhaka, che ha provocato 20 vittime. Ministro dell’educazione: “Dobbiamo creare un movimento e una resistenza sociale”.

     



    05/07/2016 14:58:00 BANGLADESH
    Esperti cristiani e musulmani: I terroristi di Dhaka hanno subito il lavaggio del cervello

    Gli attentatori del bar per stranieri erano giovani istruiti. I reclutatori dell’Isis preferiscono avvicinare i nuovi militanti online, perché essi sanno comprendere le loro motivazioni. La scarsa attenzione dei genitori porta i giovani a trascorrere tante ore in casa davanti alla tv, dove ascoltano i sermoni di predicatori radicali.



    11/07/2016 11:45:00 BANGLADESH
    Lotta al terrorismo islamico in Bangladesh: sotto controllo i sermoni nelle moschee

    La decisione di Dhaka tenta di frenare i “discorsi dell’odio” diffusi da predicatori radicali. Uno di loro, Zakir Naik, ha avuto un’influenza diretta sugli attentatori di Dhaka. Le autorità hanno deciso di oscurare il suo canale televisivo. Nel Paese esistono circa 600mila moschee. La Fondazione islamica distribuirà i testi per la preghiera del venerdì.



    06/07/2016 11:44:00 BANGLADESH
    Il padre di uno dei jihadisti di Dhaka: Con lui ho fallito

    SM Imtiaz Khan Babul è il padre di Rohan Ibn Imtiaz, uno dei sei terroristi islamici che hanno ucciso 20 persone. L’uomo è un membro del partito di governo e ricopre incarichi di primo piano. Ha iniziato la sua carriera come insegnante: “Ma non sono stato in grado di educare mio figlio”. Il governo continua a negare legami con lo Stato islamico. Arrestati il padre e il fratello di un altro assalitore.





    In evidenza

    VATICANO
    Il Papa ai giovani: Memoria del passato, coraggio nel presente, speranza per il futuro



    Diffuso oggi il Messaggio per la 32ma Giornata mondiale della gioventù sul tema “Grandi cose ha fatto per me l’Onnipotente”. Il modello di Maria nel suo incontro con Elisabetta. Rifiutare l’immobilità del “divano” dove starsene comodi e sicuri. Vivere l’esperienza della Chiesa non come una “flashmob” istantanea. Riscoprire il rapporto con gli anziani. Vivere il futuro in modo costruttivo non svalutando “le istituzioni del matrimonio, della vita consacrata, della missione sacerdotale”.


    AFGHANISTAN
    P. Moretti: Le Piccole sorelle di Gesù, per 60 anni “afghane fra gli afghani”



    Hanno vissuto 60 anni al servizio dei bisognosi. Sono rimaste a Kabul sotto l’occupazione sovietica, il controllo dei talebani e i bombardamenti Nato. Rispettate da tutti, anche dai talebani. Questo febbraio è finita la loro esperienza, secondo p. Moretti “una a cui guardare”.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®