21 Ottobre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  •    - Brunei
  •    - Cambogia
  •    - Filippine
  •    - Indonesia
  •    - Laos
  •    - Malaysia
  •    - Myanmar
  •    - Singapore
  •    - Tailandia
  •    - Timor Est
  •    - Vietnam
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 05/09/2017, 15.16

    MYANMAR - VATICANO

    Pyay, ‘devozione e preghiera’. La Chiesa birmana attende la visita del papa in Myanmar



    I cattolici sono circa 450mila, l’1% della popolazione. Mons. Alexander Pyone Cho, vescovo della diocesi: “Non vedono l’ora di dare il loro caloroso benvenuto al Santo Padre”. Le polemiche per l’appello di papa Francesco in favore dei Rohingya. “Non vi è motivo di temere per la sua sicurezza”. L’estremismo e gli interessi economici dietro le violenze in Rakhine.

    Pyay (AsiaNews) – Nonostante le tensioni e le violenze in corso nel nord del Myanmar, la Chiesa cattolica birmana si prepara ad accogliere papa Francesco. Il pontefice compirà un viaggio apostolico nel Paese, visitando le città di Yangon e Nay Pyi Taw, dal 27 al 30 novembre 2017. AsiaNews ha intervistato mons. Alexander Pyone Cho, vescovo della diocesi di Pyay (regione di Bago), riguardo l’attesta dei cattolici per la visita del papa.

    La Chiesa locale conta circa 450mila fedeli, che rappresentano l’1% della popolazione. La Santa Sede e la Repubblica del Myanmar hanno deciso di stabilire piene relazioni diplomatiche solo lo scorso 4 maggio, in occasione di un incontro privato tra papa Francesco e Aung San Suu Kyi. Il 12 agosto,  il pontefice ha nominato l’arcivescovo Paul Tschang In-Nam nunzio apostolico nel Paese. Seppur piccola minoranza, grande è la gioia con cui la comunità ha accolto la notizia della visita apostolica.

    “I cattolici birmani – afferma mons. Pyone Cho – non vedono l’ora di dare il loro caloroso benvenuto al Santo Padre. Siamo molto felici. La nostra è una comunità molto devota, dedita alla preghiera e alla vita di chiesa”.

    Tuttavia, alla gioia dei fedeli si contrappongono le critiche di parte della popolazione, in maggioranza buddista, verso il papa per l’appello in favore dei Rohingya lanciato durante l’Angelus dello scorso 27 agosto. “È vero, vi è chi ha espresso ira per quei commenti. Si tratta però di pochi ignoranti, che vivono di pregiudizi verso le altre religioni. Essi non sanno nemmeno cosa sia la Chiesa”, afferma il vescovo.

    A seguito delle reazioni suscitate dalle parole del papa, alcuni cattolici hanno espresso timori per la sicurezza del suo viaggio. Mons. Pyone Cho allontana le paure: “Le aree che il Santo Padre visiterà sono pacifiche, non vi è motivo di temere per la sua sicurezza”.

    I Rohingya, minoranza islamica dello Stato settentrionale del Rakhine sono un tema molto sensibile in Myanmar. “Le tensioni – dichiara mons. Pyone Cho – hanno radici antiche, risalenti al periodo coloniale, quando i musulmani sono giunti nel Paese dal Bangladesh, per essere impiegati nell’agricoltura. L’estremismo ha poi esasperato la situazione, provocando l'esplosione delle violenze del 2012. Da allora le cose sono peggiorate”.

    Negli ultimi giorni, il Myanmar è al centro delle attenzioni della comunità internazionale per i nuovi scontri armati in corso dal 25 agosto e l’aggravarsi della crisi umanitaria in Rakhine. Il vescovo di Pyay afferma che dietro le ultime violenze non vi sono motivazioni di carattere religioso, bensì interessi economici. “I combattenti armati [musulmani] intendono appropriarsi delle terre, ricche di risorse, che appartengono ai gruppi etnici locali”.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    16/10/2017 12:03:00 MYANMAR - VATICANO
    Papa Francesco in Myanmar, ‘una benedizione’ anche per i giovani protestanti

    Le speranze e le aspettative  per il viaggio apostolico del pontefice. Patrick Loo Tone, presidente del Consiglio delle Chiese del Myanmar (Mcc): “La visita del pontefice aprirà una finestra sui cristiani del Paese”. I cattolici in Myanmar sono 700mila, distribuiti in 14 diocesi.



    17/10/2017 14:03:00 MYANMAR - VATICANO
    Yangon, la gratitudine dei vescovi per ‘i tre doni’ di papa Francesco

    Celebrata una solenne messa di ringraziamento presso la cattedrale dell’Immacolata Concezione. il card. Charles Maung Bo: “È un momento storico per tutti noi e per la Chiesa in Myanmar”. Il nuovo nunzio mons. Paul Tschang In-Nam invita i cattolici a lavorare per la pace e la riconciliazione nazionale.



    29/08/2017 16:48:00 MYANMAR - VATICANO
    Rakhine, i cattolici temono tensioni per le parole del Papa sui Rohingya

    Polemiche nel Paese per l’appello in favore dei Rohingya durante l’Angelus. La maggioranza dei birmani è contraria al riconoscimento dei loro diritti. I cattolici hanno accolto le parole del papa con stupore e temono per la sua sicurezza. La crisi umanitaria nello Stato di Rakhine è un argomento molto sensibile per la società. La Chiesa invita all’imparzialità e sottolinea il contributo della visita del pontefice al processo di pacificazione nazionale.



    29/08/2017 13:14:00 MYANMAR - VATICANO
    La visita del papa in Myanmar. ‘Speranza di pace’

    Gioia, aspettative e timori della piccola e giovane comunità del Paese. I vescovi: “Come il Buon Pastore, il Santo Padre vuole incontrare il suo gregge, privilegiando le Chiese insignificanti”. Nel Paese vi sono 16 diocesi, 23 vescovi ed un unico cardinale eletto nel 2015. I cattolici sono 700mila, solo l’1,37% della popolazione. Mons. Pyone Cho, vescovo di Pyayn: “La sua visita influirà sulla promozione della concordia”. Suor Dennis Ja Tawng: “Il Myanmar soffre per i conflitti etnici, ma il papa redimerà questa terra”.



    11/10/2017 15:58:00 MYANMAR
    L’impegno dei giovani, ‘colonna portante’ della diocesi di Taungngu

    Le celebrazioni per i 150 anni dell’evangelizzazione. Turismo e prevenzione del traffico di esseri umani al centro dell’ultimo incontro dei ragazzi. I preparativi per la visita del papa. L’omaggio ai missionari del Pime nella storia della Chiesa birmana.





    In evidenza

    MYANMAR
    Non solo Rohingya: la persecuzione delle minoranze cristiane in Myanmar



    La sofferenza di Kachin, Chin e Naga. La discriminazione su basi religiose è in certi casi addirittura istituzionalizzata. I cristiani sono visti come espressione di una fede straniera ed in contrasto con la visione nazionalista. Per anni il regime militare ha introdotto feroci misure discriminatorie.


    VATICANO - ASIA
    Il mondo ha urgenza della missione della Chiesa

    Bernardo Cervellera

    Ottobre è un mese consacrato al risveglio della missione fra i cristiani. Nel mondo c’è indifferenza o inimicizia verso Dio e la Chiesa. Le religioni sono considerate la fonte di tutte le guerre. Il cristianesimo è l’incontro con una Persona, che cambia la vita del fedele e lo mette al servizio delle ferite del mondo, lacerato da frustrazioni e guerre fratricide. L’esempio del patriarca di Baghdad e del presidente della Corea del Sud.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®