10 Dicembre 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 20/12/2011, 00.00

    COREA

    Pyongyang, la gente piange per la fame. Non tanto per Kim

    Joseph Yun Li-sun

    Fonti di AsiaNews spiegano che il dolore trasmesso con grande rilievo alla televisione nazionale “non è collegato alla morte del dittatore ma alla fame, all’arrivo dell’inverno e alla paura per il futuro. La gente vuole pace, vuole uscire da questa epoca molto buia”.
    Seoul (AsiaNews) - Il dolore espresso dalla popolazione nordcoreana per la morte di Kim Jong-il e trasmesso con grande rilievo alla televisione nazionale “non è collegato alla morte del dittatore. Certo, ci sarà anche qualcuno triste per quanto è avvenuto: ma si tratta di gente del regime, non del popolo. Le persone piangono perché sono sollevate, ma hanno anche paura per il futuro. E soprattutto perché hanno fame”. A parlare è una fonte di AsiaNews che vive e lavora nei pressi del confine che divide in due la penisola coreana.

    Le immagini trasmesse, continua la fonte, “vengono spacciate dalla propaganda come manifestazioni spontanee di dolore. Ma la verità in Corea del Nord è che non c’è cibo, 2 milioni di persone rischiano di non sopravvivere all’inverno e il nuovo dittatore [il terzogenito di Jong-il, Kim Jong-un] è noto per la sua crudeltà. Hanno tutti i motivi per piangere, ma non dobbiamo pensare che sia per la fine di un’epoca, come dice la televisione. Anche perché quell’epoca è stata molto buia”.

    Il Daily NK, network di dissidenti nordcoreani, spiega: “Alla morte di Kim Il-sung, il presidente eterno della Corea e iniziatore della dinastia, la popolazione ha espresso vero dolore. Ma questo è avvenuto perché all’epoca credevano davvero nel sogno socialista e perché Il-sung non era un pazzo come il figlio. Il Paese soffriva, certo, ma non tanto come sotto Jong-il. Le carestie che hanno segnato il regno del secondo Kim sono state tremende”.

    Una fonte da Hoeryeong, nella provincia di Hamkyung settentrionale, sottolinea: “Qui abbiamo paura per il nostro futuro. I miei compatrioti sono sollevati per la morte di Kim Jong-il, pensano che la pace possa alla fine arrivare anche per noi”. C’è anche un fattore generazionale: secondo una fonte di Onsung, “quando morì il presidente eterno sapevamo cosa sarebbe arrivato dopo. Il nuovo dittatore è troppo giovane, non ha avuto abbastanza tempo per imparare il lavoro”.

    Questo aspetto, riprende la fonte di AsiaNews, “è connesso al pensiero confuciano mischiato con il dogma stalinista. Secondo questo miscuglio, che è la base della sociologia nordcoreana, a un anziano non può e non deve succedere un ragazzo troppo giovane. Si rovina la possibilità di un passaggio di poteri tranquillo, e questo fa molta paura in una nazione coma la Corea del Nord, appesa davvero a un filo molto esile”.

    Anche se è impossibile quantificare la popolazione totale del Paese, essa è stimata intorno ai 22 milioni di abitanti. Di questi circa la metà vive sotto la soglia della povertà, ovvero con meno di 1 dollaro americano al giorno. Inoltre, secondo alcuni dissidenti l’80 % della produzione agricola è stato distrutto per agevolare i programmi bellici e nucleari del regime. L’inverno alle porte, infine, si preannuncia molto rigido: e lo Stato non ha fondi né derrate alimentari per affrontarlo.
    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    27/12/2011 COREA
    Pyongyang apre a due delegazioni sudcoreane: “Un incontro di studio”
    Il “grande successore” incontra la vedova del presidente Kim Dae-jung e il leader della Hyundai. Una fonte di AsiaNews spiega: “Incontri di studio, vuole capire chi ha davanti”. Attesa per le esequie del dittatore, mentre la stampa del Nord incorona l’erede in maniera ufficiale.

    23/12/2011 COREA
    Corea, il terrore è la norma anche nella famiglia regnante
    A Pyongyang si preparano le esequie del dittatore defunto e Kim Jong-un, “grande successore”, prepara la lista degli invitati e i posti in cui siederanno. L’attenzione è puntata sui suoi numerosi fratelli, distrutti dalla follia della famiglia e dalla competizione sfrenata per un ruolo che forse nessuno di loro ha mai davvero voluto.

    19/12/2011 COREA
    Vescovo coreano: La morte di Kim è una strada per il dialogo. Con qualche attenzione
    Mons. Lazzaro You Heung-sik, vescovo di Daejeon e presidente della Commissione episcopale per la cura dei migranti, racconta ad AsiaNews: “Ora si apre un periodo di grande confusione per tutta la penisola. Noi dobbiamo privilegiare il dialogo per la pace, ma senza andare alla cieca. Il Natale ci spinga a pregare per un miglioramento della situazione”. Il dolore e la speranza di Thomas Han, ambasciatore coreano presso la Santa Sede.

    21/12/2011 COREA DEL NORD
    I soldati nordcoreani rubano il cibo al popolo: tutti temono il peggio
    La denuncia da una fonte di AsiaNews al confine con la Cina: “I militari stanno mettendo nelle caserme tutto quello che riescono a trovare. La gente muore di fame, perché qui si vive soltanto con un fucile e qualcosa da mangiare”. Intanto entra nel vivo la lotta per la successione al trono del defunto leader.

    29/08/2013 COREA DEL NORD
    Kim Jong-un fa fucilare in piazza la sua ex fidanzata
    Lo scorso 8 agosto il dittatore era in platea ad applaudire Hyon Song-wol, cantante dell’Orchestra nazionale Unhasu. Nove giorni dopo l’ha fatta arrestare con un gruppo di artiste accusate di “pornografia” e il 20 agosto le ha fatte fucilare tutte in piazza, condannando le famiglie al lager. Alcune di loro erano cristiane. Gli analisti: “Una vittoria dell’attuale moglie, anche lei un tempo in quell’orchestra, che vuole consolidare il potere del marito e la successione del figlio”.



    In evidenza

    IRAQ
    Parroco di Amadiya: profughi cristiani di Mosul, fra l’emergenza aiuti e l’attesa del rientro

    P. Samir Youssef

    In una lettera p. Samir Youssef racconta la situazione dei rifugiati, da oltre due anni lontani dalle loro case. Si segue con attenzione l’offensiva, anche se case e chiese “sono in gran parte” bruciate o distrutte. Con l’arrivo dell’inverno servono cherosene, vestiti, cibo e denaro per pagare il trasporto degli studenti. Un appello per continuare a sostenere la campagna di AsiaNews.


    IRAQ
    “Adotta un cristiano di Mosul”: il dono di Natale per attraversare l’inverno

    Bernardo Cervellera

    Le nuove ondate di profughi, con l’avanzata dell’esercito verso la Piana di Ninive e Mosul rischiano di far dimenticare i rifugiati che da due anni hanno trovato ospitalità nel Kurdistan. C’è bisogno di cherosene, vestiti per l’inverno, aiuti per i bambini, soldi per gli affitti. La campagna lanciata da AsiaNews due anni fa è più urgente che mai. Rinunciare a un dono superfluo per offrire loro un dono essenziale per vivere.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®