3 Settembre 2015 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile





Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato

invia ad un amico visualizza per la stampa


» 20/12/2011
COREA
Pyongyang, la gente piange per la fame. Non tanto per Kim
di Joseph Yun Li-sun
Fonti di AsiaNews spiegano che il dolore trasmesso con grande rilievo alla televisione nazionale “non è collegato alla morte del dittatore ma alla fame, all’arrivo dell’inverno e alla paura per il futuro. La gente vuole pace, vuole uscire da questa epoca molto buia”.

Seoul (AsiaNews) - Il dolore espresso dalla popolazione nordcoreana per la morte di Kim Jong-il e trasmesso con grande rilievo alla televisione nazionale “non è collegato alla morte del dittatore. Certo, ci sarà anche qualcuno triste per quanto è avvenuto: ma si tratta di gente del regime, non del popolo. Le persone piangono perché sono sollevate, ma hanno anche paura per il futuro. E soprattutto perché hanno fame”. A parlare è una fonte di AsiaNews che vive e lavora nei pressi del confine che divide in due la penisola coreana.

Le immagini trasmesse, continua la fonte, “vengono spacciate dalla propaganda come manifestazioni spontanee di dolore. Ma la verità in Corea del Nord è che non c’è cibo, 2 milioni di persone rischiano di non sopravvivere all’inverno e il nuovo dittatore [il terzogenito di Jong-il, Kim Jong-un] è noto per la sua crudeltà. Hanno tutti i motivi per piangere, ma non dobbiamo pensare che sia per la fine di un’epoca, come dice la televisione. Anche perché quell’epoca è stata molto buia”.

Il Daily NK, network di dissidenti nordcoreani, spiega: “Alla morte di Kim Il-sung, il presidente eterno della Corea e iniziatore della dinastia, la popolazione ha espresso vero dolore. Ma questo è avvenuto perché all’epoca credevano davvero nel sogno socialista e perché Il-sung non era un pazzo come il figlio. Il Paese soffriva, certo, ma non tanto come sotto Jong-il. Le carestie che hanno segnato il regno del secondo Kim sono state tremende”.

Una fonte da Hoeryeong, nella provincia di Hamkyung settentrionale, sottolinea: “Qui abbiamo paura per il nostro futuro. I miei compatrioti sono sollevati per la morte di Kim Jong-il, pensano che la pace possa alla fine arrivare anche per noi”. C’è anche un fattore generazionale: secondo una fonte di Onsung, “quando morì il presidente eterno sapevamo cosa sarebbe arrivato dopo. Il nuovo dittatore è troppo giovane, non ha avuto abbastanza tempo per imparare il lavoro”.

Questo aspetto, riprende la fonte di AsiaNews, “è connesso al pensiero confuciano mischiato con il dogma stalinista. Secondo questo miscuglio, che è la base della sociologia nordcoreana, a un anziano non può e non deve succedere un ragazzo troppo giovane. Si rovina la possibilità di un passaggio di poteri tranquillo, e questo fa molta paura in una nazione coma la Corea del Nord, appesa davvero a un filo molto esile”.

Anche se è impossibile quantificare la popolazione totale del Paese, essa è stimata intorno ai 22 milioni di abitanti. Di questi circa la metà vive sotto la soglia della povertà, ovvero con meno di 1 dollaro americano al giorno. Inoltre, secondo alcuni dissidenti l’80 % della produzione agricola è stato distrutto per agevolare i programmi bellici e nucleari del regime. L’inverno alle porte, infine, si preannuncia molto rigido: e lo Stato non ha fondi né derrate alimentari per affrontarlo.

invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
27/12/2011 COREA
Pyongyang apre a due delegazioni sudcoreane: “Un incontro di studio”
di Joseph Yun Li-sun
23/12/2011 COREA
Corea, il terrore è la norma anche nella famiglia regnante
19/12/2011 COREA
Vescovo coreano: La morte di Kim è una strada per il dialogo. Con qualche attenzione
di Joseph Yun Li-sun
21/12/2011 COREA DEL NORD
I soldati nordcoreani rubano il cibo al popolo: tutti temono il peggio
di Joseph Yun Li-sun
29/08/2013 COREA DEL NORD
Kim Jong-un fa fucilare in piazza la sua ex fidanzata
di Joseph Yun Li-sun

In evidenza
INDIA
Card. Toppo: Imparare dai tribali dell’India ad avere cura della terra e dei suoi abitanti
di Nirmala CarvalhoL’arcivescovo di Ranchi parla ad AsiaNews in occasione della Giornata mondiale di preghiera per la cura del creato (1 settembre). Nel Paese “più di un milione di tribali è cattolico, e nella nostra cultura noi rispettiamo la natura e ne celebriamo i doni”. Oggi “per essere veri testimoni di Cristo dobbiamo rispondere alla crisi ecologica attraverso una profonda conversione spirituale”.
VATICANO-IRAQ
P. Samir di Amadiya: Il Papa è la voce dei profughi irakeni
di Bernardo CervelleraIl sacerdote caldeo ha incontrato papa Francesco chiedendogli di tenere alta l’attenzione del mondo sui profughi cristiani di Mosul e della Piana di Ninive. Nella sua diocesi vivono 3500 famiglie cristiane e quasi mezzo milione di yazidi fuggiti davanti alle violenze dello Stato islamico. L’Isis non è tutto l’islam e vi sono musulmani che vogliono un Iraq della convivenza. I cristiani potrebbero emigrare, ma rimangono nella loro terra. I progetti di aiuto ai rifugiati: la scuola per i bambini, lavoro per gli adulti, una casa per ogni famiglia. L’appello di AsiaNews.
LIBANO
La Dichiarazione di Beirut: i musulmani in difesa della libertà dei cristianiLibertà di fede, di educazione e di opinione difese citando il Corano. Esse sono alla base dello Stato di diritto, che non deve essere uno Stato religioso. L’organo di riferimento dei sunniti del Libano condanna senza appello la violenza in nome di Dio. Il testo integrale del messaggio.

Dossier

Terra Santa Banner


Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate