26 Aprile 2015 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile





Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 13/06/2005
cina
Raid contro chiese domestiche nella provincia di Jilin: 100 protestanti in arresto

Hong Kong (AsiaNews/Caa) – La polizia ha arrestato 600 cristiani protestanti in uno delle maggiori retate degli ultimi mesi nella provincia di Jilin (nord est della Cina).

Molti degli arrestati sono stati rilasciati, ma almeno 100 rimangono ancora in prigione.

Secondo la China Aid Association (Caa), un'organizzazione a sostegno dei cristiani perseguitati, verso la fine di maggio la polizia e la pubblica sicurezza hanno compiuto dei raid in contemporanea in 100 chiese domestiche nella zona di Changchun, la capitale della provincia di Jilin. Almeno 600 fedeli e leader sono stati fermati. La maggior parte è stata rilasciata dopo 24 o 48 ore. Ma vi sono ancora 100 leader protestanti, inclusi alcuni professori dell'università di Changchun, che sono tenuti ancora in detenzione.

Fra gli arrestati vi era anche Zhao Dianru, 58 anni, uno dei leader più prestigiosi. Zhao era stato preso il 22 maggio alle 5 di mattino nella sua casa e trascinato nella prigione di Jiutai. Il 6 giugno è stato rilasciato. Secondo alcune fonti citate da Caa, il motivi ufficiali del suo arresto non sono "religiosi" o legati ad attività religiose: egli è stato preso per "uso di mezzi illeciti per istigare e disturbare la stabilità sociale". Durante il raid nella sua casa, la polizia ha confiscato circa 20 scatole di libri religiosi. Zhao era responsabile di circa 18 chiese domestiche. Il governo gli aveva chiesto per tre volte di entrare nella chiesa protestante ufficiale, ma lui si è sempre rifiutato.

Alcune fonti affermano che studenti universitari, professori e giovani intellettuali sono fra i maggiori frequentatori delle chiese domestiche sotterranee. Il raid sembra essere parte di una campagna per eliminare l'influenza delle chiese protestanti nelle università.

Lo scorso 1° marzo la Cina ha promulgato i nuovi regolamenti religiosi. Diversi analisti pensavano che le nuove direttive avrebbero portato a minori restrizioni verso le chiese non registrate, ma i molti raid di queste settimane contro protestanti e cattolici mostrano che la politica non è cambiata.

Le chiese domestiche sgominate dalla polizia non appartengono allo stesso gruppo e non sono affiliate a qualcuna delle chiese protestanti sotterranee più diffuse. Esse sono formate da gruppi di fedeli indipendenti, che raccolgono migliaia di membri e decidono di non registrare le loro attività religiose presso il governo.

In Cina l'espressione religiosa è permessa solo in luoghi e con personale registrato presso l'Ufficio governativo degli Affari religiosi. Tutte le attività non registrate sono considerate illegali.


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
27/12/2003 cina
Preghiera di Natale proibita dalla polizia
27/04/2012 CINA
Pechino lancia una nuova campagna per eliminare le chiese domestiche protestanti
di Wang Zhicheng
25/02/2004 cina
Due protestanti accusati di "rivelare i segreti di stato" sulle demolizioni di chiese
08/02/2007 CINA
E' stato tre anni in prigione per aver denunciato la distruzione di chiese
27/06/2006 Cina
Cina, in un anno le autorità hanno arrestato 1958 cristiani evangelici

In evidenza
VATICANO
Papa: Il ricordo e la preghiera per una “nuova tragedia” dei migranti, “fratelli nostri” che “cercavano la felicità”Al Regina Caeli, papa Francesco fa pregare per le centinaia di vittime del barcone affondato al largo della Libia. Un appello alla comunità internazionale perché “agisca con decisione e prontezza”. “Ogni battezzato è chiamato a testimoniare, con le parole e con la vita, che Gesù è risorto, che è vivo e presente in mezzo a noi”. Il messaggio cristiano “non è una teoria, un’ideologia o un complesso sistema di precetti e divieti, oppure un moralismo, ma un messaggio di salvezza, un evento concreto, anzi una Persona: è Cristo risorto, vivente e unico Salvatore di tutti”. Il papa sarà a Torino il 21 giugno per onorare la Sindone, la cui ostensione comincia oggi.
ARABIA SAUDITA - YEMEN
Con la guerra in Yemen, l’Arabia Saudita maschera le tensioni interne
di Afshin ShahiIl conflitto in Yemen serve all’Arabia Saudita per coprire i suoi problemi interni, primo tra tutti la disuguaglianza tra le classi e il settarismo religioso. La famiglia reale ostenta lo sfarzo più assoluto mentre il 20% della popolazione vive in povertà. Molti giovani sauditi scontenti alimentano l’esercito dei “foreign fighters” dello Stato islamico (IS). Il 15% della popolazione è di religione sciita e subisce pesanti restrizioni dallo Stato sunnita. La lucida analisi di Afshin Shahi, Direttore del Centro di studi di politica islamica e Professore di Relazioni Internazionali e di Politica del Medio Oriente all’università di Bradford.
VATICANO
Papa: Sulle persecuzioni dei cristiani, la comunità internazionale “non assista muta e inerte”, non “rivolga il suo sguardo da un’altra parte”Al Regina Caeli (la preghiera mariana nel tempo di Pasqua), per la sesta volta in una settimana, papa Francesco ricorda il martirio dei cristiani e denuncia l’indifferenza della comunità internazionale verso questa “preoccupante deriva dei diritti umani più elementari”. I martiri di oggi “sono tanti e possiamo dire che siano più numerosi che nei primi secoli”. “La fede nella risurrezione di Gesù - ha continuato - e la speranza che Egli ci ha portato è il dono più bello che il cristiano può e deve offrire ai fratelli. A tutti e a ciascuno, dunque, non stanchiamoci di ripetere: Cristo è risorto!”

Dossier


by Giulio Aleni / (a cura di) Gianni Criveller
pp. 176
Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate