23 Gennaio 2018
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 30/10/2017, 12.41

    MYANMAR

    Rakhine, al via i progetti di sviluppo voluti da Aung San Suu Kyi



    Assistenza, rimpatrio e reinsediamento dei profughi gli obiettivi dell’ultima iniziativa del governo. La costruzione di infrastrutture, strade e ponti realizzata grazie alle donazioni di 22 businessmen. Realizzazione di uffici al confine per l’accoglienza dei Rohingya. I gruppi etnici fanno ritorno alle proprie case. Disposta la chiusura dei campi profughi per gli sfollati interni.

    Sittwe (AsiaNews/Agenzie) – Strade, ponti e accoglienza dei profughi Rohingya di ritorno. Sono alcuni  dei progetti al centro della proposta governativa per lo sviluppo infrastrutturale del Rakhine. Le autorità annunciano che i programmi avranno inizio questa settimana, mentre nell’epicentro delle recenti violenze etniche si registra un graduale ritorno alla normalità. Attraverso la Union Enterprise for Humanitarian Assistance, Resettlement and Development in Rakhine (Uehrd), iniziativa guidata dalla leader democratica Aung San Suu Kyi, il governo di Naypyitaw si impegna per l’attuazione delle direttive della Commissione consultiva sul Rakhine condotta da Kofi Annan.

    Il coordinatore dell’Uehrd, il dr. Aung Tun Thet, ha comunicato la prossima apertura dei primi cantieri nei distretti di Maungdaw e Buthidaung. “Queste sono aree sottosviluppate, perciò è qui che ci concentreremo. La stagione dei monsoni inizia in aprile, quindi abbiamo poco tempo per completare questo lavoro. Abbiamo solo sei mesi per il progetto”, ha dichiarato Aung Tun Thet.

    Le imprese di costruzioni provvederanno alla realizzazione delle infrastrutture, tra cui strade e ponti, e il costo dei progetti sarà sostenuto attraverso le donazioni pervenute al fondo Uehrd. Inoltre, alcune società rinunceranno ai compensi. In una prima fase, si provvederà alla costruzione di uffici al confine con il Bangladesh, che il governo ha destinato all’accoglienza dei Rohingya in grado di dimostrare la propria residenza in Myanmar.

    Zaygabar Khin Shwe, uomo d’affari a capo della Construction and Infrastructure Task Force (Citf), afferma: “Prima ripariamo questi edifici, poi le altre strutture danneggiate. In secondo luogo ci impegneremo per fornire elettricità e acqua corrente”. Il magnate rivela che il progetto include la costruzione di una strada di collegamento tra Sittwe, capitale del Rakhine, ed il confine con il Bangladesh, oltre all’ampliamento di una vecchia pista di atterraggio della città.

    Formata lo scorso 15 ottobre, l’Uehrd ha ricevuto circa 10,5milioni di euro in donazioni da 22 imprenditori birmani. Aung San Suu Kyi ha affidato all’iniziativa governativa tre compiti principali: il rimpatrio e la fornitura di aiuti per coloro che sono fuggiti in Bangladesh; il reinsediamento e la riabilitazione dei rimpatriati, a prescindere dalla loro razza e religione; la promozione della pace e lo sviluppo nella regione.

    Nel frattempo, il governo del Rakhine ha notificato la chiusura, entro il 2 novembre prossimo, dei campi profughi per gli sfollati interni (Idp) fuggiti dalle violenze. Secondo quanto riferito da Aung Kyaw Zan, ministro per l’Elettricità, l’Industria ed i Trasporti, i campi di Sittwe, Ponnagyun, Kyauktaw, Mrauk-U e Minbya saranno dismessi poiché molti degli ospiti hanno già fatto ritorno alle proprie case.

    A partire dalle prime ore del conflitto tra i militanti islamici dell’Arakan Rohingya Salvation Army (Arsa) ed il Tatmadaw [l’esercito birmano], mentre cominciava l’esodo di oltre 600mila Rohingya in Bangladesh, oltre 25mila persone dei gruppi etnici locali si riversavano a Sittwe e nelle città circostanti. Tra essi vi erano Arakanesi, Mro, Daingnet e indù. Al momento sono operativi solo cinque campi, due per la popolazione Arakanese, uno per i Maramagyi e due per gli indù.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    25/10/2017 13:04:00 MYANMAR-BANGLADESH
    Rohingya, sicurezza e cooperazione negli accordi tra Myanmar e Bangladesh

    I due Paesi hanno firmato ieri due memorandum di intesa. Fermare l’esodo, ripristinare la normalità nel Rakhine e discutere i piani per il rimpatrio di circa 600mila Rohingya. L’esercito del Myanmar difende il proprio operato in Rakhine. Gli Usa impongono nuove restrizioni.



    20/12/2017 08:45:00 MYANMAR-BANGLADESH
    Rohingya, da gennaio inizia il rimpatrio in Myanmar

    Accordo per la verifica delle identità dei rifugiati e la logistica del loro ritorno. Sono 655mila gli sfollati delle violenze di agosto, 70mila fuggiti nell’ottobre 2016.



    25/08/2017 13:03:00 MYANMAR
    Kofi Annan presenta il Rapporto sui Rohingya. L’esercito: ‘Difetti e carenze’

    La “Rakhine State Advisory Commission” condotta da Kofi Annan chiede progresso sociale, cittadinanza, sicurezza e chiusura dei campi profughi i punti principali. I gruppi per i diritti umani accolgono il documento con favore. Aung San Suu Kyi aveva promesso di rispettare i suoi risultati. Il gen. Min Aung Hlaing, comandante in capo delle forze armate: “Suggeriamo di riesaminare i punti discussi,  individuare e apportare modifiche se vi sono errori e atteggiamenti sleali”. 



    04/10/2017 11:53:00 MYANMAR
    Rakhine, diplomatici in visita: ‘Condanna per le violenze’, sostegno ad Aung San Suu Kyi

    La delegazione chiede il pieno accesso di media e organizzazioni umanitarie alle aree del conflitto e un’inchiesta condotta da esperti Onu sulle violazioni dei diritti umani da parte dell’esercito. L’urgenza di attuare il rapporto di Kofi Annan.



    28/08/2017 16:50:00 MYANMAR
    Rohingya, 116 morti nelle nuove violenze. Il governo accusa i “terroristi bengali”

    Il 25 agosto i militanti dell’ l’Arakan Rohingya Salvation Army (Arsa) hanno attaccato gli avamposti militari presso i villaggi di Maungdaw, Buthidaung e Rathedaung. I violenti scontri hanno causato la morte di 12  ufficiali delle forze armate e 104 militanti. Il Comitato per l'informazione di Stato di Aung San Suu Kyi impone ai media non usare il termine “insorti”. Evacuati oltre 4mila residenti non musulmani (soprattutto buddisti e indù). Più di 2mila musulmani Rohingya sono riusciti a raggiungere il Bangladesh. Dakha dispone respinge i nuovi profughi.





    In evidenza

    CINA-VATICANO
    Il Vaticano domanda ai vescovi legittimi di farsi da parte per lasciare spazio a quelli illegittimi

    John Baptist Lin

    Lo scorso dicembre mons. Pietro Zhuang Jianjian di Shantou (Guangdong) è stato obbligato ad andare a Pechino dove “un prelato straniero” del Vaticano gli ha chiesto di lasciare la cattedra al vescovo illecito Giuseppe Huang Bingzhang. La stessa richiesta gli è stata fatta lo scorso ottobre. Mons. Giuseppe Guo Xijin, vescovo ordinario di Mindong dovrebbe diventare l’ausiliare o il coadiutore del vescovo illecito Vincenzo Zhan Silu. Sinicizzare la Chiesa cinese: sostenere il principio dell’indipendenza e seguire la leadership del Partito comunista.


    VATICANO – PERU'
    Papa in Perù: Giovani, il cuore non si può ‘fotoshoppare’, perché è lì che si gioca l’amore vero



    All’Angelus nella Plaza de Armas, papa Francesco ai giovani di seguire Gesù con tutto se stessi, senza scoraggiarsi, su esempio di san Martino di Porres, il santo meticcio. La preghiera silenziosa per la pace nella Repubblica del Congo. Ai vescovi, l’esempio di san Toribio di Mogrovejo, un infaticabile evangelizzatore: “Oggi lo chiameremmo un vescovo ‘di strada’”. Alle religiose contemplative l’invito a pregare per l’unità della Chiesa peruviana.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

     









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®