16 Gennaio 2018
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 09/01/2018, 08.54

    ARABIA SAUDITA

    Riyadh, la prima volta delle donne alla partita di pallone



    La prima assoluta nella capitale il 12 gennaio, per la sfida fra Al-Ahli e Al-Batin. A seguire porte aperte il 13 gennaio a Jeddah e il 18 gennaio a Dammam. Prevista una presenza massiccia di donne agli eventi. Principessa saudita: in corso i lavori per accogliere intere famiglie. Nonostante le timide riforme resta ancora ampio il divario fra i sessi. 

     

    Riyadh (AsiaNews/Agenzie) - Per la prima volta nella storia del regno ultraconservatore sunnita, il prossimo 12 gennaio le donne potranno varcare i cancelli degli stadi per assistere alle partite di pallone in programma in giornata. A darne l’annuncio sono i vertici del governo di Riyadh attraverso una nota diffusa dal ministero dell’Informazione, il quale aggiunge che “il primo match cui potranno assistere le donne sarà Al-Ahli contro Al-Batin”. 

    Le autorità saudite sottolineano inoltre che le donne, assieme alle loro famiglie, potranno guardare dal vivo anche una seconda sfida il giorno successivo e una terza partita di campionato il prossimo 18 gennaio. 

    Fra le prime personalità femminili saudite a commentare la decisione vi è la principessa Reema Bandar Bint Al Saud, responsabile per le donne dell’Autorità sportiva nazionale. Sul suo profilo twitter ha espresso soddisfazione, sottolineando che “gli impianti sportivi in Arabia Saudita apriranno le loro porte nel 2018 per accogliere le donne”. Sono in corso i preparativi, aggiunge, per assicurare che gli stadi siano in grado di accogliere intere famiglie. 

    Secondo le prime informazioni è prevista una presenza massiccia di esponenti del gentil sesso alle partite, proprio per sfruttare fin dall’inizio questa nuova opportunità in direzione di una maggiore libertà. La prima partita si disputerà nella capitale, Riyadh, la seconda a Jeddah sul mar Rosso e la terza nella cittadina orientale di Dammam.

    In Arabia Saudita le donne sono relegate ai margini della società e solo negli ultimi anni hanno acquisito il diritto di voto attivo e passivo nell’ambito delle elezioni municipali; una prima svolta cui è seguito un piano di “modernizzazione” a più ampio respiro, promosso dal principe ereditario Mohammed bin Salman nel contesto del programma “Visione 2030”. 

    Il 23 settembre scorso, per la prima volta, lo stadio della capitale è stato aperto anche alle donne per le celebrazioni della festa nazionale. Qualche giorno più tardi è arrivata l’abolizione del divieto di guidare. In precedenza si era registrata la nomina della prima donna alla guida della borsa. 

    Tuttavia, permangono sempre dure limitazioni alle libertà femminili: le saudite devono coprire capelli e corpo in pubblico, e non possono viaggiare o ricevere cure mediche senza il permesso di un guardiano maschile (in genere padre, marito o un figlio).

    Le classifiche internazionali confermano quanto sia ancora ampio il divario fra i due sessi: l’Arabia Saudita era classificata al 141mo posto su 144 nazioni per parità di genere nel rapporto 2016 sul Global Gender Gap, redatto dagli esperti del Forum economico mondiale.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    27/09/2017 08:40:00 ARABIA SAUDITA
    Riyadh, abolito il divieto: le donne potranno guidare

    La nuova legge entrerà in vigore il prossimo 24 giugno. Il divieto è il simbolo della repressione femminile nel regno. Le donne colte alla guida venivano arrestate e punite con 10 frustate. La gioia delle attiviste e le critiche degli ultra-conservatori. Riyadh mira a favorire l’accesso femminile al lavoro, limitato dalle difficoltà di spostamento.



    14/03/2005 arabia saudita
    Nel 2006 la carta d'identità per le donne saudite


    26/11/2008 ARABIA SAUDITA
    AccoLade, la prima rock-band “in rosa” del regno saudita
    Per sfuggire alle rigide norme islamiche le ragazze provano in luoghi nascosti e distribuiscono la musica sul web. Per la leader del gruppo “suonare è una sfida”, ma il sogno nel cassetto è tenere un vero concerto aperto al pubblico a Dubai. “Per mostrare a tutti quello che siamo capaci di fare”.

    09/08/2007 INDIA – BANGLADESH
    La scrittrice Taslima Nasrin nel mirino dei fondamentalisti islamici
    La donna, famosa per le sue denunce sulla condizione femminil nell’Islam, è stata ferita lievemente alla testa durante una conferenza stampa nell’Andhra Pradesh. Tuttora pende una taglia di 500mila rupie per la sua decapitazione. Attivista cristiano condanna con forza l’attacco.

    07/03/2005 arabia saudita - giornata della donna
    Principessa saudita protesta: uguali diritti per le donne




    In evidenza

    COREA
    La Corea del Nord invierà una delegazione olimpica di alto livello a Pyeongchang



    Dopo due anni di tensioni, il primo incontro fra delegazioni di Nord e Sud Corea. Seoul propone che gli atleti di Nord e Sud marcino fianco a fianco nelle cerimonie di apertura e chiusura dei Giochi (9-25 febbraio 2018).


    VATICANO
    Papa: il rispetto dei diritti di persone e nazioni essenziale per la pace



    Nel discorso ai diplomatici Francesco ha chiesto la soluzione di conflitti – a partire dalla Siria – e tensioni – dalla Corea a Ucraina, Yemen , Sud Sudan e Venezuela – e auspicato accoglienza per i migranti e per gli “scartati”, come i bambini non nati o gli anziani e rispetto per i diritti alla libertà religiosa e di opinione, al lavoro.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

     









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®