24 Luglio 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 10/03/2017, 09.54

    MYANMAR - CINA

    Scontri tra ribelli e forze governative: 20 mila civili fuggono in Cina



    In migliaia ricevono gli aiuti umanitari cinesi. Le nuove violenze sono scoppiate lo scorso 6 marzo. Almeno 30 persone sono rimaste uccise al confine tra Myanmar e Cina in seguito ad un raid a sorpresa lanciato dai ribelli. L’inasprimento del conflitto ha sollevato tensioni tra i due Paesi. Il ministro cinese degli esteri : “Ripristinare la pace e la stabilità alle zone di confine”.

    Yangon (AsiaNews/Agenzie) – Almeno 20 mila persone sono fuggite dal Myanmar attraversando il confine con la Cina per le violenze scoppiate tra le milizie delle minoranze etniche armate e le forze di sicurezza. Il ministro cinese degli esteri afferma che in migliaia hanno trovato rifugio nei campi allestiti al confine e stanno ora ricevendo assistenza umanitaria.

    Da mesi sono in corso scontri tra gruppi di ribelli armati e forze governative in varie regioni del paese. Le violenze di questa settimana sono tra le peggiori ad aver colpito la regione del Kokang dal 2015. Il Kokang ha stretti legami con la Cina, con i locali che parlano un dialetto cinese e utilizzando lo yuan come moneta.

    All'inizio di questa settimana, circa 30 persone sono state uccise al confine del Myanmar con la Cina in seguito ad un raid a sorpresa lanciato dai ribelli. Gli ultimi scontri, che hanno coinvolto artiglieria ed armi leggere, hanno avuto luogo nella città di Laukkai, nella regione Kokang, situata nella parte settentrionale dello Stato Shan.

    Geng Shuang, portavoce del ministro cinese degli esteri, ha dichiarato che sono stati disposti gli aiuti a coloro che cercano di “evitare temporaneamente la guerra”, e ha chiesto un immediato cessate il fuoco, aggiungendo che la Cina sostiene il processo di pace in Myanmar. Egli ha poi invitato tutte le parti in causa a trovare una soluzione pacifica attraverso il dialogo e ha esortato i contendenti all’equilibrio, per “prevenire un'ulteriore escalation” e “per ripristinare la pace e la stabilità alle zone di confine”.

    Le autorità del Myanmar affermano che le violenze sono iniziate lo scorso 6 marzo, quando i combattenti del Myanmar Nationalities Democratic Alliance Army (Mndaa) avevano lanciato un raid a sorpresa, vestiti con uniformi della polizia.

    L'attacco aveva come obiettivo le forze di polizia e postazioni militari. Un gruppo separato di combattenti ha in seguito attaccato altri siti a Laukkai. Fonti riferiscono che cinque civili, cinque agenti di polizia e almeno 20 combattenti ribelli sono morti durante l’operazione.

    L’inasprimento del conflitto nelle terre di confine ha sollevato tensioni tra il Myanmar e Pechino. Il governo di Aung San Suu Kyi sta cercando di porre fine alle violenze pluridecennale, nel timore che si potrebbe innescare un nuovo importante esodo di rifugiati.

    L'Alleanza del Nord, una coalizione di gruppi etnici armati che include il Mndaa, deve ancora aderire al processo di pace o firmare il cessate il fuoco che è stato raggiunto con una molte altre milizie nel 2015. Il prossimo ciclo di negoziati è previsto per marzo, ma la data è stata rinviata più volte.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    11/10/2016 11:34:00 MYANMAR
    Kachin, dopo 55 giorni di scontri “la situazione della popolazione è drammatica”

    L’esercito governativo sta avanzando contro le truppe ribelli del Kachin Independece Army. Un’attivista cattolica: “Ogni giorno bombardamenti aerei e attacchi di terra. Ci sono più di 120mila sfollati e da una settimana la gente manifesta per il cessate il fuoco”. Nonostante la conferenza di pace di fine agosto voluta da Aung San Su Kyi, continuano le violenze nel nord del Myanmar.

     



    01/12/2015 MYANMAR
    Shan, uomini armati sequestrano 50 civili. Migliaia in fuga dai combattimenti
    Il raid è avvenuto nei giorni scontri in un’area di conflitto tra esercito birmano e milizie ribelli. Al momento resta ignota l’identità degli assalitori. Le milizie Shan sono fra quelle che non hanno firmato il cessate il fuoco nazionale con il governo uscente. Attivisti: nell’area crimini di guerra. Cardinale birmano: "Pace, priorità del nuovo esecutivo a guida Nld".

    20/04/2016 09:01:00 MYANMAR
    Scontri nello Stato Rakhine: morti 20 soldati governativi e un comandante

    Da tre giorni si è tornati a sparare nella regione occidentale del Myanmar. Fonti dell’esercito ribelle Arakan: “Nessuno dei nostri è morto”. Il governo non conferma la notizia.

     



    17/04/2015 MYANMAR
    Nuovi scontri fra esercito birmano e ribelli Kokang, 16 soldati uccisi e oltre cento feriti
    Teatro degli scontri un’area nel nord-est del Myanmar, lungo il confine con la Cina. I militari impongono agli sfollati di rientrare nelle loro abitazioni. Ma la gente ha paura di una ritorsione e di nuove violenze. A oggi non vi è un dato certo sui morti e feriti civili, per gli operatori umanitari la zona di guerra è preclusa.

    15/07/2016 12:32:00 MYANMAR
    Dal ministero per gli Affari etnici una speranza di pace con le minoranze del Myanmar

    Per decenni le minoranze del Paese sono state oggetto di persecuzione e violenze. Disattese le promesse di federalismo e autonomia. Il governo targato Nld rilancia il progetto di “pace, sviluppo e sostenibilità”. Ma sul dicastero pesano le incertezze sui ruoli e le competenze, compresa l’effettiva partecipazione al processo di pacificazione.





    In evidenza

    CINA
    Liu Xiaobo: una fiaccola che illumina la civiltà umana



    La testimonianza del grande dissidente non violento, lasciato morire di cancro, è il più alto contributo all’umanità negli ultimi (sterili) 500 anni di storia cinese. Il ricordo di Liu (e di sua moglie) da parte di un sacerdote del nord della Cina.


    INDIA
    Goa: croci distrutte, cimitero dissacrato. Mons. Neri Ferrao: colpa dell’odio religioso



    Le croci sono state lasciate infrante ai margini della strada. Nel cimitero di Guardian Angel Church danneggiate 28 nicchie, cinque croci di legno e nove in granito, 16 tombe e la grande croce all’ingresso. Sajan K George: “Durante un raduno di indù, un fondamentalista ha detto che tutti quelli che mangiano la vacca devono essere impiccati”.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®