26 Novembre 2014 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile




Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 21/06/2006
Corea del Sud
Seoul, approvato patto sociale a favore delle nascite
di Theresa Kim Hwa-young

Per contrastare il bassissimo tasso di natalità del Paese, il governo – insieme agli industriali ed ai sindacati – ha promesso nuovi posti di lavoro per le donne incinte e maggiori strutture pubbliche per l'infanzia.



Seoul (AsiaNews) – Il governo sudcoreano ha approvato ieri un "accordo sociale" che mira a risolvere i problemi derivanti dalla sempre più bassa natalità nel Paese ed il conseguente invecchiamento della popolazione. Fra le proposte - approvate dopo cinque mesi di discussioni fra gruppi religiosi, d'affari e civici - la costruzione di nuove strutture pubbliche per l'infanzia (più 30 % entro il 2010) e la creazione di posti di lavoro per donne incinte.

Il tasso di fertilità sudcoreano è sceso lo scorso anno al livello più basso della sua storia: 1,08 neonati ogni donna fertile. Il dato, secondo i sociologi, riflette l'aumento dell'attività economica delle donne e la loro tendenza al matrimonio in tarda età.

La Commissione che ha approvato i nuovi patti sociali è presieduta da Han Myeong-sook, primo ministro di Seoul, Lee Yong-deuk, presidente della Federazione sindacati coreana, Kang Shin-ho, presidente degli industriali e da Park Young-sook, che dirige la Fondazione coreana per le donne.

"La crisi della nascite – si legge nel documento che accompagna la decisione – è ad un livello che non ha precedenti. Questo ci porterà ad una seria riduzione della forza produttiva nazionale e ad un peso statale sempre maggiore a sostegno degli anziani: questi fattori non faranno altro che creare crisi". I firmatari riconoscono tuttavia che "la situazione è nata dal fatto che abbiamo ceduto alle donne tutto il peso della maternità, oltre a non aver combattuto l'instabilità economica che ferma le giovani coppie dal procreare".

Il governo ha poi annunciato di essere pronto a continuare la discussione sull'argomento per cercare di alzare l'età della pensione, mentre i sindacati e gli industriali si sono accordati per studiare un sistema comune che migliori la previdenza sociale ed i salari.


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
23/11/2006 COREA DEL SUD
Per le donne coreane, la carriera conta più della famiglia
di Theresa Kim Hwa-young
06/05/2013 GIAPPONE
Per il 32mo anno di fila, il Sol Levante festeggia meno nascite
09/09/2006 COREA DEL SUD
Seoul: varato nuovo sistema di assunzione, favorisce il part-time
di Theresa Kim Hwa-young
11/02/2006 COREA DEL SUD
Corea del sud: aumenta il divario fra il reddito di impiegati ed operai
di Theresa Kim Hwa-young
30/03/2004 corea del sud
Il calo abissale della natalità spinge a misure d'emergenza

In evidenza
IRAQ - ITALIA
Lettera dell'arcivescovo di Mosul: Grazie per gli aiuti, che sostengono le sofferenze dei rifugiati
di Amel NonaLe offerte di tutti i donatori della campagna "Adotta un cristiano di Mosul" sono usate per acquistare cibo, vestiti pesanti, coperte per i profughi e affittare case o roulotte per affrontare l'inverno e il freddo che sono giunti molto presto. Due donne hanno difeso la loro fede cristiana davanti ai miliziani islamisti che volevano convertirle, minacciandole di uccidere. Rifugiato fra i rifugiati, mons. Nona scopre un modo nuovo di essere pastore.
IRAQ - ITALIA
"Adotta un cristiano di Mosul": raccolti e inviati quasi 700mila euro. La campagna continua
di Bernardo CervelleraInviata la seconda tranche di aiuti, raccolti nel mese di settembre. In Medio oriente e in Iraq si gioca il destino dei rapporti fra oriente e occidente. L'appello di papa Francesco e del Sinodo. I governi tiepidi. Gli aiuti giunti da tutto il mondo: una nuova comunità internazionale che sconfigge la "globalizzazione dell'indifferenza".
IRAQ-VATICANO
"Adotta un cristiano di Mosul": il grazie del vescovo per i primi aiuti
di Amel NonaMons. Amel Nona, vescovo caldeo di Mosul, anch'egli rifugiato, ringrazia tutti i donatori della campagna lanciata da AsiaNews. La situazione è sempre più difficile per il numero enorme di profughi e per l'arrivo dell'inverno e della neve, che rendono impossibile alloggiare nelle tende o all'aperto. La crisi, un'occasione che rende attiva la fede dei cristiani.

Dossier


by Giulio Aleni / (a cura di) Gianni Criveller
pp. 176
Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate