05 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 09/11/2010, 00.00

    THAILANDIA-MYANMAR

    Ventimila profughi birmani fuggono gli scontri sul confine thai

    Weena Kowitwanij

    I ribelli karen combattono l'esercito per esprimere insoddisfazione contro le elezioni farsa. L’esercito thai ha approntato campi di rifugio per i rifugiati, ma promette di rimpatriarli entro tre mesi. Secondo fonti militari, il rimpatrio comincia oggi, anche se si temono nuovi scontri.
    Bangkok (AsiaNews) – Circa 20 mila persone sono entrate nel confine thailandese per sfuggire agli scontri fra esercito e parte della minoranza karen del Democratic Karen Buddhist Army, organizzazione militare dell’etnia.
     
    Gli scontri sono avvenuti proprio lungo la frontiera di Tak e Kanchaburi, provocando la morte di almeno tre persone e il ferimento di 10 thai. Gli scontri sono scoppiati ieri, un giorno dopo le elezioni farsa organizzate dalla giunta birmana, il cui risultato è scontato.
     
    Samart Loyfah, governatore thai della provincia di Tak, ha dichiarato che “gli scontri sono avvenuti a 100-200 metri dal confine con la Thailandia. Donne birmane e bambini
    fuggono in Thailandia per trovare sicurezza e riparo. Le forze militari thai hanno approntato alcuni campi di rifugio per motivi umanitari”.
     
    Il primo ministro thai Abhisit Vejjajiva, in un intervista dalla sede del governo ha dichiarato che “la Thailandia si prenderà cura degli immigranti birmani e li riporterà indietro al momento opportuno”. Egli ha però espresso timore che vi potranno essere ancora molti scontri alla frontiera fino a che in Myanmar non si formi il nuovo governo, un processo che potrebbe durare anche tre mesi. Voci dall'esercito affermano però che già oggi sono in atto operazioni di rimpatrio dei profughi.
     
    Secondo Wanthip Wongwai, generale thai in forza a Tak, i gruppi karen della Knu hanno attaccato le forze governative a Myawaddy. L’esercito ha risposto col lancio di granate M79, che ha ferito almeno 10 persone.
     
    Alcuni locali affermano che i ribelli volevano esprimere la loro insoddisfazione verso la giunta e le elezioni, costruite per far vincere i partiti legati ai militari. Molte zone etniche sono state perfino escluse dal voto per “motivi di sicurezza”. Proprio oggi personalità birmane legate alla giunta hanno rivendicato una vittoria dell'80 per cento dei seggi.
     
    Da decenni il governo centrale combatte contro le decine di gruppi etnici birmani che l’accusano di incuria verso il loro sviluppo, pur sfruttando la loro manodopera e i loro giovani per reclutarli nell’esercito.
     
    Alcuni gruppi etnici hanno firmato dei cessate-il-fuoco col governo, ma altri hanno deciso di continuare la loro lotta.
    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    13/10/2010 MYANMAR –THAILANDIA
    Aung San Suu Kyi non voterà alle elezioni “farsa” indette dai militari
    La Nobel per la pace non si esprimerà perché non ha “alcun partito da votare”, dopo lo scioglimento della Nld. E aggiunge: il mio voto “violerebbe” le leggi dei militari, che impediscono ai condannati di partecipare alle elezioni. Il premier thai Abhisit ha incontrato i leader della giunta. Al centro dei colloqui commercio e controllo delle frontiere.

    11/06/2009 MYANMAR – THAILANDIA
    Myanmar, migliaia di civili in fuga dalla guerra fra esercito e ribelli Karen
    Più di 6mila persone hanno cercato rifugio in Thailandia per sfuggire alle violenze. La giunta spara colpi di artiglieria oltreconfine e arruola civili come portantini e sminatori. Una delegazione Onu lungo il confine per monitorare l’evolversi del conflitto. L'attacco collegato al processo contro la San Suu Kyi.

    15/02/2008 THAILANDIA - MYANMAR
    Ucciso il leader del più grande movimento ribelle birmano
    Mahn Sha, a capo dell'Unione nazionale karen, è stato freddato ieri sera nella sua casa in Thailandia. Prime ipotesi sui mandanti: sicari della giunta o membri del gruppo secessionista dei karen buddisti. Il leader aveva avvertito di recente sull’aumento di violenza che avrebbe seguito l’annuncio del referendum in Birmania a maggio.

    10/10/2008 THAILANDIA
    Rilasciati su cauzione i leader della protesta in Thailandia
    Fra gli arrestati il portavoce e il capo dell’ dell’Alleanza popolare per la democrazia, che promettono di continuare la lotta politica fino alle dimissioni del governo. Ex capo dell’esercito afferma che “un colpo di mano dei militari” è la sola soluzione per uscire dalla crisi.

    09/10/2008 THAILANDIA
    Bangkok, cade l’accusa di “cospirazione” per i leader della rivolta
    La Corte di appello thailandese ha alleggerito i capi i imputazione a carico dei manifestanti, che rischiavano la pena di morte o il carcere a vita. Il premier Somchai promette nuove indagini per punire i responsabili delle violenze, mentre nel Paese crescono tensioni e divisioni politiche.



    In evidenza

    VATICANO
    Papa Francesco ai giovani: L’amore “concreto”, non da telenovela, è la carta d’identità dei cristiani



    Nel Giubileo dei ragazzi e ragazze, papa Francesco pronuncia un’omelia fatta di domande e risposte ai 70mila presenti.  I grandi ideali dell’amore come dono di sé, l’affettività come “voler bene senza possedere”; la libertà come “dono di poter scegliere il bene”. “Guai a un giovane che non osa sognare. Se uno alla vostra età non sogna, se n’è già andato in pensione!”. Le offerte raccolte per l’Ucraina. L’appello per i vescovi e i sacerdoti rapiti in Siria.


    IRAN
    La strana alleanza fra gli Stati Uniti e i fondamentalisti iraniani

    Bernardo Cervellera

    Washington blocca ancora l’uso del dollaro nelle transazioni bancarie, fermando i nuovi contratti economici stabiliti dopo l’accordo sul nucleare. Gli Usa sembrano dare man forte a Khamenei e alle guardie della rivoluzione, che vogliono affossare l’accordo per mantenere il potere. La popolazione sopravvive con i doppi e tripli lavori. L’Iran instabile e bellicoso accresce la vendita di armi. Il reportage.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®