26/03/2012, 00.00
INDIA – ITALIA
Invia ad un amico

Orissa: riprendono le trattative fra governo e maoisti per il rilascio di Paolo Bosusco

I colloqui erano fermi da due giorni, all’indomani del sequestro del parlamentare nazionalista indù Jhina Hikaka. Il Chief Minister Naveen Patnaik si appella ai guerriglieri e conferma il “buono stato di salute” di Claudio Colangelo, che avrebbe contratto la malaria durante la prigionia.

Bhubaneshwar (AsiaNews) - Il governo dell'Orissa e i mediatori nominati dai guerriglieri maoisti hanno ripreso oggi i negoziati per la liberazione del secondo ostaggio italiano, tuttora nelle mani dei sequestratori. Intanto Naveen Patnaik, Chief Minister dello Stato, ha lanciato un appello ai guerriglieri naxaliti, chiedendo loro di rilasciare Paolo Bosusco; il 24 marzo scorso è stato liberato il primo dei due ostaggi, Claudio Colangelo, che avrebbe contratto la malaria durate i giorni di prigionia.

Le trattative sono state sospese il 24, in seguito al rapimento di Jhina Hikaka, parlamentare nazionalista indù dell'Orissa, che avrebbe violato l'accordo secondo cui non vi sarebbero state ulteriori violenze da parte dei ribelli comunisti.

Il Chief Minister Patnaik ha confermato che Colangelo è "in buone condizioni di salute" e si appella ai leader maoisti perché "rilascino il secondo cittadino italiano" tuttora nelle loro mani. Egli ha chiesto anche la liberazione del parlamentate Hikaka, che ha lavorato "per il benessere di poveri e tribali".(NC)

 

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Nuove tensioni tra ribelli maoisti e governo
26/10/2009
Orissa, i maoisti liberano Claudio Colangelo
25/03/2012
Polizia in Orissa: due turisti italiani presi in ostaggio dai maoisti
18/03/2012
Vescovo dell'Orissa: L'India non odia gli stranieri. Dolore per gli italiani rapiti
22/03/2012
Leader cristiano: Felici per la liberazione di Bosusco. Ora il governo pensi ai tribali
12/04/2012


Iscriviti alle newsletter

Iscriviti alle newsletter di Asia News o modifica le tue preferenze

ISCRIVITI ORA
“L’Asia: ecco il nostro comune compito per il terzo millennio!” - Giovanni Paolo II, da “Alzatevi, andiamo”