16/02/2011, 00.00
FILIPPINE
Invia ad un amico

Riaprono a Oslo i colloqui fra governo filippino e ribelli comunisti

I negoziati sono ripresi ieri dopo sei anni di congelamento e andranno avanti tutta la settimana. Al centro dei colloqui le future riforme economiche comuni per ricostruire le aree più colpite dal conflitto e il rilascio dei prigionieri politici .
Manila (AsiaNews) – Governo filippino e ribelli del partito comunista (Cpp) riprendono dopo sei anni i dialoghi di pace. I colloqui, a porte chiuse, sono iniziati ieri a Oslo e continueranno per tutta la settimana. Fondamentale per la ripresa dei negoziati è stata la promessa dell’esercito di rilasciare il leader comunista Allan Jazmines, arrestato lo scorso 14 febbraio. Per evitare rischi, esercito e ribelli hanno firmato un cessate il fuoco momentaneo che durerà per tutto il periodo dei colloqui di pace.  

Teresita Quintos Deles, consigliere presidenziale per il processo di pace ha affermato che governo e ribelli hanno entrambi il desiderio di porre fine al conflitto che in 42 anni ha provocato oltre 10mila morti, partendo da riforme economiche comuni nelle aree più colpite dagli scontri.   

Secondo fonti interne ai negoziati, i maoisti sarebbero aperti al dialogo, ma esortano il governo a rilasciare gli oltre 350 prigionieri politici incarcerati durante il governo di Gloria Arroyo, richiesta per ora negata dalle autorità filippine.   

La guerriglia tra esercito filippino e ribelli comunisti del New People’s Army, braccio armato del Cpp, dura dal 1968. Essa ha provocato migliaia di morti e distrutto l’economia nelle aree rurali delle regioni centrali del Paese. Colloqui fra governo e ribelli sono avvenuti a fasi alterne e si sono arenati nel 2005 con l’inserimento del Cpp nei gruppi terroristici.  A tutt’oggi fanno ancora parte dell’Npa circa 4.500 guerriglieri. I villaggi controllati dai ribelli sono invece 1.301. Questi sono concentrati soprattutto nelle province di Marinduque, Bohol, Romblon, Lyte e Misamis, tutte situate nell’arcipelago di Visayas (Filippine centrali).

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Predicare il Vangelo ai ribelli comunisti delle Filippine
30/12/2009
Governo filippino e ribelli comunisti, possibile trattato di pace tra 18 mesi
23/02/2011
Elezioni 2010: il governo filippino sancisce il bando delle armi in tutto il Paese
12/01/2010
I ribelli islamici pronti al dialogo con Aquino
17/05/2010
Presidente Arroyo: Dialogo interreligioso unica soluzione per la pace a Mindanao
19/03/2010


Iscriviti alle newsletter

Iscriviti alle newsletter di Asia News o modifica le tue preferenze

ISCRIVITI ORA
“L’Asia: ecco il nostro comune compito per il terzo millennio!” - Giovanni Paolo II, da “Alzatevi, andiamo”