28 Maggio 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 07/01/2016, 00.00

    QATAR - IRAN - A. SAUDITA

    Anche il Qatar ritira il proprio ambasciatore a Teheran



    Il Gibuti ha interrotto i rapporti diplomatici con l’Iran; la Giordania ha convocato l’ambasciatore di Teheran ad Amman per una protesta ufficiale. L’Iraq, dopo la Russia, si offre di mediare fra le parti per scongiurare una escalation della tensione. Il presidente Rouhani scrive al capo della giustizia per una indagine rapida contro i sospettati dell’assalto alle rappresentanze diplomatiche saudite.

    Teheran (AsiaNews/Agenzie) - Anche il Qatar ha deciso di ritirare il proprio ambasciatore dall’Iran, unendosi a Kuwait, Arabia saudita, al Bahrain e al Sudan che avevano già rotto nei giorni scorsi i rapporti diplomatici. La decisione è frutto dell’assalto di manifestanti iraniano contro la sede diplomatica saudita a Teheran e al suo consolato a Mashad, innescata dalla decisione di Riyadh di giustiziare all'inizio dell'anno 47 “terroristi”, fra cui il dignitario sciita Nimr al-Nimr.  

    Ieri intanto anche il Gibuti ha tagliato i rapporti con l’Iran e la Giordania ha convocato l’ambasciatore di Teheran ad Amman per una protesta ufficiale contro l’assalto. 

    In passato il Qatar si è scontrato a più riprese con l’Arabia Saudita, per il sostegno a gruppi ribelli diversi in Siria e la differente posizione rispetto ai Fratelli musulmani in Egitto. Tuttavia, negli ultimi tempi si è registrato un riavvicinamento fra le parti, sancito dall’adesione del Qatar alla coalizione araba a guida saudita che opera in Yemen contro i ribelli sciiti Houthi. 

    Il ministero degli Esteri del Qatar ha definito l’attacco all’ambasciata una “violazione delle carte e delle norme internazionali, che assicurano la sicurezza e la protezione delle missioni diplomatiche e dei loro membri”. 

    Sempre ieri l’Iraq si è offerto di mediare fra le parti per ricucire lo strappo. In precedenza, anche la Russia si è detta pronta a mediare. Il ministro irakeno degli Esteri Ibrahim Jaafari, a Teheran dove ha incontrato l’omologo Javad Zarif, ha sottolineato che una escalation della tensione fra Iran (sciita) e Arabia Saudita (sunnita) potrebbe comportare serie conseguenze in tutta la regione. Anche le Nazioni Unite si sono rivolte a entrambe le parti, chiedendo loro di allentare la tensione. 

    Intanto il presidente iraniano Hassan Rouhani ha inviato una lettera personale al capo della giustizia, chiedendo una indagine rapida e approfondita sui 50 sospetti di coinvolgimento a vario titolo nell’attacco all’ambasciata saudita. La missiva diretta all’ayatollah Sadegh Larijani, ai vertici del sistema giudiziario iraniano, è stata pubblicata anche sul sito web personale di Rouhani. 

    Il capo di Stato auspica un processo immediato contro i presunti autori degli incendi alle rappresentanze diplomatiche saudite, un gesto che rappresenta “un insulto alle autorità” dello Stato. 

    Fin dalle ore successive Rouhani, un moderato eletto nel 2013, aveva definito gli incidenti “totalmente ingiustificabili”, seguito da altri dignitari e altri ufficiali secondo cui le violenze avevano danneggiato l’immagine dell’Iran. 

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    05/01/2016 A.SAUDITA-IRAN
    Anche il Kuwait richiama l’ambasciatore da Teheran
    Critiche all’Iran da Mauritania e Egitto. La condanna del Consiglio di sicurezza Onu. La lettera di scuse di Hassan Rouhani. L’inviato Onu per la Siria, Staffan de Mistura, in visita a Riyadh e Teheran per salvare i dialoghi di pace. Squadre di calcio saudite giocheranno contro le iraniane, ma in terreno neutro.

    11/01/2016 MEDIO ORIENTE
    La Lega araba condanna l’Iran per l’assalto all’ambasciata saudita
    Ieri vertice di emergenza chiesto da Riyadh. La maggior parte dei Paesi membri ha votato a favore della condanna, con l’eccezione di Libano e Siria (sospesa dal gruppo). Allo studio eventuali rappresaglie per il futuro. Teheran respinge le accuse e ribadisce: "Nessun coinvolgimento nelle violenze".

    04/08/2015 QATAR-USA-IRAN
    Gli Usa “accelerano” la vendita di armi alle monarchie del Golfo, dopo il “buon accordo” con l’Iran
    Il segretario di Stato Usa, John Kerry, difende l’accordo, ma promette anche nuove armi, più esercitazioni militari congiunte, un sistema regionale di missili balistici. Le monarchie del Golfo fra i maggiori clienti nel commercio delle armi. Rouhani e Javad Sharif propongono dialoghi fra i Paesi islamici per risolvere i conflitti armati in Yemen e in Siria.

    08/01/2016 ISLAM
    Arabia saudita contro Iran per il dominio nel mondo islamico
    A monte di tutti i problemi politici ed economici che spingono allo scontro fra le due potenze regionali, vi è un braccio di ferro fra due modi di vivere l’islam: quello più tollerante e razionale dello sciismo e quello fondamentalista e violento del sunnismo. L’Arabia saudita amplia la sua egemonia con aiuti economici, costruzione di moschee e invio di imam wahhabiti. Il fondamentalismo – così vicino all’ideologia dell’Isis – emerge anche in Paesi un tempo tolleranti: Egitto, Indonesia, Malaysia, Indonesia. È urgente una riforma dell’islam che lo salvi dalla crisi più profonda degli ultimi due secoli.

    05/09/2014 IRAN
    Teheran, libero attivista per i diritti umani, già condannato a morte
    Abdullah al Mansour combatte per una maggiore autonomia delle minoranze arabe e sunnite nel Kuzestan. Liberati anche il giornalista riformista Mehdi Mahmoudian e il blogger Hossein Ronaghi Maleki, entrambi sostenitori dell'Onda verde, il movimento di critica all'elezione di Ahmadinejad nel 2009.



    In evidenza

    CINA - VATICANO
    La persecuzione dei cattolici durante la Rivoluzione culturale

    Sergio Ticozzi

    La documentazione di quel violento periodo è stata bruciata o è sepolta negli archivi. Solo alcuni sopravvissuti ne parlano. I persecutori tacciono nella paura. I roghi degli oggetti religiosi e arredi nell’Hebei. Vescovi umiliati e arrestati nell’Henan; suore battute e uccise con bastoni, o sepolte vive. La persecuzione “non è ancora finita”; oggi è forse solo più sottile.


    CINA
    Il silenzio sui 50 anni della Rivoluzione Culturale in Cina e in occidente

    Bernardo Cervellera

    La sanguinosa campagna lanciata da Mao Zedong ha ucciso quasi 2 milioni di persone e mandato nei lager altri 4 milioni. Ogni cinese è stato segnato dalla paura. Ma oggi, nessuna cerimonia in memoria è stata prevista e non è apparso nessun articolo di giornale. Le lotte interne del Partito e il timore di Xi Jinping di finire come l’Urss. Anche oggi, come allora, in Europa c’è chi tace e osanna il mito della Cina. Molti predicono un ritorno al “grande caos”.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®