21 Novembre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est
  •    - Cina
  •    - Corea del Nord
  •    - Corea del Sud
  •    - Giappone
  •    - Hong Kong
  •    - Macao
  •    - Taiwan


  • » 26/08/2017, 09.35

    CINA

    Bambini orfani nelle gabbie per combattimenti di arti marziali



    Dal 2001 il club Enbo ha raccolto almeno 400 minori per allenarli e farli combattere a fini commerciali. I ragazzi non vogliono tornare a casa perché non hanno genitori o essi sono disabili. E rifiutano lavori comuni come fare il pastore o l’operaio.

    Pechino (AsiaNews/Agenzie) - La polizia di Chengdu ha aperto un’inchiesta su un club di arti marziali della città sospettato di usare bambini e ragazzi da rinchiudere in una gabbia per combattimenti a scopo di lucro. Almeno 17 minori reclutati dal club Enbo sono stati in questi giorni rispediti a casa. Lo scandalo, che ha scosso molta opinione pubblica, è emerso quando nei social sono apparsi dei video in cui due 14enni lottavano feriti dentro una gabbia.

    Tutti i ragazzi rimandati a casa sono di Yuexi (prefettura di Liangshan), una delle aree più povere della Cina. Molti di loro sono orfani; altri hanno detto che i loro parenti sono disabili o impossibilitati a prendersi cura di loro. La decisione di rimandare a casa i ragazzini è sorta dopo che la polizia ha iniziato a verificare se essi erano forzati nel combattere con scommesse e per motivi commerciali, senza poter frequentare alcuna scuola dell’obbligo.

    Secondo le cifre raccolte, almeno 400 minori sono stati reclutati dal club da quando esso è stato fondato nel 2001. Molti di quelli rimandati a casa hanno però criticato la scelta della polizia. Essi dicono che se tornano a casa, finiranno per diventare dei drogati o avere un lavoro usuale e malpagato come fare il pastore o l’operaio.

    Il video da cui è sorta l’inchiesta è stato diffuso il 20 luglio scorso e mostra la vita e l’allenamento di due ragazzi di 14 anni. Entrambi sognano di partecipare e vincere a un campionato di arti marziali (“Ultimate fighting”, combattimenti definitivi) a Las Vegas (Usa).

    Il fondatore del club, Enbo, un ufficiale paramilitare in pensione, ha dichiarato che almeno l’80% dei ragazzi erano reclutati con il permesso delle autorità.

    Altri hanno detto che i minori venivano consegnati al club dai parenti o dalle autorità locali.

    Il club è stato accusato di forzare giovani sbandati a combattere e ad esibirsi in centri commerciali per raccogliere soldi per il club.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    18/09/2017 14:28:00 TURKMENISTAN
    Ashgabat, al via i Giochi asiatici Indoor e di Arti marziali

    Ieri la cerimonia d’apertura. Si terranno fino al 27 settembre. Partecipano 65 delegazioni, e  4.500 atleti. Gli sportivi competeranno in 21 discipline. Il Turkmenistan vuole rilanciare la propria immagine. Spesi miliardi di dollari per le nuove strutture. Le critiche degli attivisti per i diritti umani: restrizioni ai cittadini e case demolite per “standardizzare” la città.



    05/08/2013 SINGAPORE
    Singapore: suor Linda Sim, che usa il taekwondo per aiutare i bambini (e vincere tornei)
    Prima di diventare missionaria francescana, la religiosa era una campionessa di arti marziali. Dopo 20 anni fra lo Zimbabwe e l’Inghilterra torna a casa, dove oggi guida il programma per la riabilitazione fisica dei bimbi malati di cancro usando proprio le tecniche nate in Corea del Sud. E, nel frattempo, vince un argento ai Campionati di Seoul.

    30/10/2004 ITALIA – CINA
    Pasotti: "Il cinema cinese offre enormi potenzialità"


    07/03/2015 GIAPPONE
    Nara, per la prima volta il tempio Kasuga apre i battenti al pubblico
    Il luogo di culto shintoista è patrimonio dell’umanità e ospita una pietra dove riposa la divinità Takemikazuchi no Mikoto, patrona delle arti marziali. Di solito è accessibile soltanto al clero shintoista e alla famiglia imperiale.

    22/09/2017 12:08:00 TURKMENISTAN
    Sacerdote ad Ashgabat: I Giochi asiatici, occasione di preghiera e incontro fra i popoli

    Riservato spazio agli atleti per la preghiera cristiana, buddista, indù e delle altre religioni. ​Il Turkmenistan “ha scelto la strada della neutralità positiva.





    In evidenza

    HONG KONG - CINA - VATICANO
    Messa per un sacerdote sotterraneo defunto. Il card. Zen chiede a Dio la grazia di salvare la Chiesa in Cina e la Santa Sede ‘dal precipizio’

    Li Yuan

    P. Wei Heping, 41 anni, è morto in circostanze misteriose, buttato in un fiume a Taiyuan (Shanxi). Per la polizia egli si è suicidato. Ai familiari non è stato permesso nemmeno di vedere il rapporto dell’autopsia. Per il card. Zen la Santa Sede (che “non è necessariamente il papa”) cerca un compromesso a tutti i costi col governo cinese, rischiando di “svendere la Chiesa fedele”. Giustizia e pace pubblica un libretto su p. Wei, per non dimenticare.


    VATICANO - ITALIA - USA
    Papa: non più la guerra, che ha per frutto la morte, 'la distruzione di noi stessi'



    Francesco nel giorno della Commemorazione dei defunti ha celebrato messa al Cimitero americano di Nettuno. “Quando tante volte nella storia gli uomini pensano di fare una guerra, sono convinti di portare un mondo nuovo, sono convinti di fare una ‘primavera’. E finisce in un inverno, brutto, crudele, con il regno del terrore e la morte”.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®