18 Novembre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  •    - Afghanistan
  •    - Bangladesh
  •    - Bhutan
  •    - India
  •    - Nepal
  •    - Pakistan
  •    - Sri Lanka
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 07/03/2013, 00.00

    BANGLADESH

    Bangladesh, partito islamico: Via le minoranze, riunifichiamoci al Pakistan

    Nozrul Islam

    Continuano hartal (scioperi) e violenze in tutto il Paese, soprattutto contro gli indù. Timori tra buddisti, cristiani e tribali. Il partito nazionalista si allea con il Jamaat-e-Islami per far cadere il governo. Sui blog di fondamentalisti islamici, istruzioni su come sabotare ferrovie, manifestazioni e attaccare poliziotti.

    Dhaka (AsiaNews) - Riunificare il Pakistan, creare uno Stato islamico "puro" e cacciare tutti i non musulmani. Parole antiche per il Bangladesh che tornano sulla bocca dei sostenitori del Jamaat-e-Islami (partito islamico), mentre proseguono gli hartal (scioperi) e le violenze, in particolare contro la minoranza indù, in diverse zone del Paese. Nel complesso, dall'inizio dei disordini - iniziati più di una settimana fa - sono almeno 87 le vittime, per lo più poliziotti o attivisti pacifici. Il clima è sempre più teso, grazie all'appoggio totale del Bangladesh Nationalist Party (Bnp, primo partito dell'opposizione) alla "causa Jamaat": abolire i tribunali di guerra voluti dall'Awami League (Al, partito di governo); ritirare la condanna a morte per Delwar Hossain Sayeedi, vicepresidente del Jamaat; mandare a casa il governo.

    Per Sheikh Hasina, primo ministro e leader dell'Al, la richiesta è inaccettabile, perché vorrebbe dire ammettere la propria sconfitta. Intanto però, il Jamaat sembra non volersi fermare, e forte del sostegno del Bnp va avanti con la sua politica del terrore, armando anche donne e bambini per "salvare l'islam in pericolo e salvare la propria anima".

    Il partito islamico appare molto organizzato: sui blog dei suoi sostenitori si parla in modo aperto di riunirsi al Pakistan e formare un Paese di soli musulmani cacciando indù, atei e cristiani. Si spiega come sabotare ferrovie, attaccare le forze dell'ordine e creare disordini durante gli scioperi. Non mancano iniziative "creative": fotomontaggi del volto di Sayeedi (il leader Jamaat condannato a morte) con la luna piena sullo sfondo, sbandierati come "veri" e segno che va salvato al più presto, per non andare all'inferno. O, ancora, immagini di manifestanti ritoccate, con persone sospese in aria o con il volto luminoso, simbolo che jinn (spiriti) e angeli sostengono la rivolta islamica.

    Finora, il primo bersaglio è stato la comunità indù: per tradizione; perché è la minoranza più consistente (9,6%); perché molti testimoni dei processi per crimini di guerra erano indù1. Queste aggressioni lasciano presagire possibili attacchi anche verso le altre minoranze religiose (buddisti e cristiani) ed etniche (tribali), come spesso è avvenuto nel Paese. In questi giorni, la polizia ha arrestato alcuni fondamentalisti islamici, che volevano uccidere 10 insegnanti di una scuola Ahmadiyya (movimento religioso musulmano, ndr) perché "eretici".

    Non è ancora chiaro in che modo possa evolvere la situazione, ma c'è il timore che tutto possa sfuggire di mano. Il movimento laico e apolitico Shahbagh (dal nome di un quartiere di Dhaka, la capitale, ndr) continua le sue proteste e iniziative pacifiche, ma perde sempre più consensi. Quella che sembrava una "primavera araba" è sempre più isolata e indicata solo come un alleato dell'Awami League.

    Le varie formazioni politiche - anche alcune fazioni minori interne al partito islamico - richiamano al dialogo, ma nessuno specifica su cosa. Intanto il Jamaat sembra acquistare sempre più forza: non ha ancora i numeri, ma l'appoggio del Bnp (che invece è numericamente solido, ndr) aggrava lo scenario. Da parte sua, il partito nazionalista potrebbe abbandonare il Jamaat, permettendo all'Awami League di riportare un'importante vittoria politica e perdendo - di fatto - anche le prossime elezioni. Una scelta che sembra non essere nell'agenzia di Khaleda Zia.


    1 Pur non esistendo dati certi, durante la guerra di Liberazione nel 1971 circa 1,5 milioni di civili sono morti e almeno 200mila donne stuprate. Di queste vittime, la maggior parte apparteneva alla comunità indù. Oltre il 60% dei profughi bangladeshi in India erano indù.

     

     

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    06/03/2013 BANGLADESH
    Bangladesh, esplode l’ira islamica contro la comunità indù
    Le violenze seguono il verdetto contro un leader del partito islamico, condannato a morte per crimini di guerra. Case bruciate e templi distrutti in diverse zone del Paese.

    01/03/2013 BANGLADESH
    Bangladesh: decine di morti negli scontri tra fondamentalisti islamici e polizia
    La violenza è esplosa dopo la condanna a morte di un leader del Jamaat-e-Islami (partito islamico), accusato di crimini di guerra nel 1971. Più di 800 i feriti. Tra le vittime, tre poliziotti. Esplosioni in diversi quartieri della capitale; templi e case della comunità indù bruciati nel sudest. L’autorità religiosa islamica del Paese richiama alla calma.

    26/02/2013 BANGLADESH
    Bangladesh: in migliaia contro l’uso politico della religione (e il partito islamico)
    A un raduno persone di ogni origine ed estrazione sociale hanno letto insieme citazioni dai libri sacri di islam, cristianesimo, induismo e buddismo. Intanto, non si fermano le violenze dei sostenitori del Jamaat-e-Islami, che accusano i manifestanti pacifici di blasfemia.

    13/12/2013 BANGLADESH
    Bangladesh, impiccato il "macellaio" di Mirpur. Violenze contro la comunità indù
    Con la conferma della Corte suprema, Abdul Quader Mollah, leader del partito islamico (Jamaat-e-Islami) è stato impiccato nel carcere di Dhaka per i crimini commessi durante la guerra del 1971. Le sue spoglie sono state consegnate alla famiglia per i riti funebri. Intanto, i suoi sostenitori hanno attaccato la comunità indù.

    10/11/2006 BANGLADESH
    Condanne capitali per la morte di un cristiano in Bangladesh

    Due militanti del gruppo islamico Jamaatul Mujahideen Bangladesh saranno impiccati per l'omicidio premeditato, due anni fa, di un uomo convertitosi al cristianesimo.





    In evidenza

    HONG KONG - CINA - VATICANO
    Messa per un sacerdote sotterraneo defunto. Il card. Zen chiede a Dio la grazia di salvare la Chiesa in Cina e la Santa Sede ‘dal precipizio’

    Li Yuan

    P. Wei Heping, 41 anni, è morto in circostanze misteriose, buttato in un fiume a Taiyuan (Shanxi). Per la polizia egli si è suicidato. Ai familiari non è stato permesso nemmeno di vedere il rapporto dell’autopsia. Per il card. Zen la Santa Sede (che “non è necessariamente il papa”) cerca un compromesso a tutti i costi col governo cinese, rischiando di “svendere la Chiesa fedele”. Giustizia e pace pubblica un libretto su p. Wei, per non dimenticare.


    VATICANO - ITALIA - USA
    Papa: non più la guerra, che ha per frutto la morte, 'la distruzione di noi stessi'



    Francesco nel giorno della Commemorazione dei defunti ha celebrato messa al Cimitero americano di Nettuno. “Quando tante volte nella storia gli uomini pensano di fare una guerra, sono convinti di portare un mondo nuovo, sono convinti di fare una ‘primavera’. E finisce in un inverno, brutto, crudele, con il regno del terrore e la morte”.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®