13 Dicembre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 05/12/2017, 10.31

    MYANMAR-THAILANDIA

    In cinque mesi, oltre 155mila lavoratori birmani irregolari tornati dalla Thailandia



    L’esodo causato dalla paura per una nuova legge sul lavoro del governo di Bangkok. Multe tra i 1000 e i 2mila euro per tutti gli stranieri senza regolare permesso e pene fino a cinque anni di carcere. L'afflusso ha sovraccaricato le agenzie sociali ed il valico di frontiera tra Myanmar e Thailandia. I migranti di ritorno vittime di  estorsione da parte delle forze di sicurezza thai. In Thailandia presenti circa 4-5 milioni di lavoratori migranti e 1 milione di illegali.

    Naypyitaw (AsiaNews/Agenzie) – Negli ultimi cinque mesi, un totale di 155.169 lavoratori migranti senza documenti sono tornati in Myanmar dalla Thailandia. È quanto riferisce un comunicato pubblicato ieri dal ministero degli Affari interni di Naypyitaw. Tra i rimpatriati, che hanno fatto ritorno nel Paese durante il periodo compreso tra il 29 giugno ed il 3 dicembre, vi sono 66.980 lavoratrici.

    I migranti irregolari birmani hanno cominciato a rientrare in Myanmar dalla fine di giugno, sebbene le autorità thailandesi abbiano ritardato la piena applicazione di una nuova legge sul lavoro introdotta a fine giugno. La nuova legge, approvata dal governo militare di Bangkok lo scorso 23 giugno, stabilisce multe tra i 1000 e i 2mila euro per tutti gli stranieri senza regolare permesso e pene fino a cinque anni di carcere.

    Tra il 23 e il 28 giugno, circa 60mila immigrati hanno lasciato la Thailandia per paura delle sanzioni. In seguito alle notizie dell'esodo, il 30 giugno la giunta militare ha promesso un rinvio di 120 giorni nell'esecuzione di parti del decreto, incluse le ammende fino a 800mila baht (23.500 euro circa) per i datori di lavoro che assumono lavoratori stranieri non registrati. Quello birmano è il gruppo etnico più colpito dal provvedimento, ma numerosi sono anche i cittadini di Laos e Cambogia fuggiti dal Paese.

    L'afflusso ha sovraccaricato le agenzie sociali ed il valico di frontiera tra Myanmar e Thailandia, spingendo le autorità di Bangkok a limitare il numero di attraversamenti a sole 100 persone al giorno. Ciò causa serie difficoltà a molti migranti birmani, che non hanno abbastanza cibo e non trovano alloggio durante l’attesa per l'attraversamento del confine. Una volta rientrati, i lavoratori sono accolti dai funzionari del ministero del Lavoro del loro Paese. Questi ultimi hanno raccolto numerose denunce dei migranti di ritorno, che affermano di esser stati vittime di estorsione da parte dei funzionari thai in diversi posti di blocco del distretto di Muang, nella provincia di Tak.

    L’Organizzazione internazionale per le migrazioni (Iom) riporta che in Thailandia sono presenti circa 4-5 milioni di lavoratori migranti, a cui si aggiungono 1 milione di illegali, soprattutto birmani. Dalla presa di potere in un colpo di stato del 2014, la giunta governativa ha condotto diverse campagne per regolarizzare la forza lavoro straniera, spinta in parte dai rapporti dei media sullo sfruttamento dei lavoratori non regolamentati da parte dei datori di lavoro.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    05/07/2017 14:45:00 THAILANDIA - MYANMAR
    Bangkok, entra in vigore la nuova legge sul lavoro: esodo dei lavoratori stranieri

    Alla fine di giugno circa 60mila immigrati hanno lasciato la Thailandia per paura delle sanzioni. Previste multe fino a 2.000 euro per gli stranieri senza permesso e pene fino a cinque anni di carcere. Quello birmano è il gruppo etnico più colpito. I rimpatriati vittime di estorsione da parte dei funzionari thai. Effetti negativi sull’economia della Thailandia.



    14/07/2017 12:50:00 CAMBOGIA
    Thailandia, l’esodo di migliaia di migranti cambogiani senza documenti

    Dal 28 giugno scorso, in 8.328 hanno fatto ritorno in Cambogia. Rischiano multe tra i 1.000 e i 2.000 euro e pene fino a cinque anni di reclusione. La mancanza di denaro è il fattore principale che incentiva i migranti a restare senza documenti. I rimpatriati decidono di rimanere nel Paese d’origine o di ritornare in Thailandia senza documentazione.



    05/06/2017 13:15:00 THAILANDIA
    Il governo thai annuncia iniziative – non realistiche – contro la tratta di esseri umani

    Bangkok il centro del traffico di lavoratori e prostitute. Una fonte di AsiaNews: “È una fabbrica di soldi che nessuno ha interesse a chiudere”. La problematica al centro dell’Agenda nazionale del 2017. Il gen. Prayuth Chan-o-cha, primo ministro: “Tolleranza zero”. Il capo dell’esecutivo annuncia la ‘Strategia delle 5 P’.



    29/10/2007 NEPAL
    Un progetto contro il traffico di esseri umani
    Dal 1992 la Caritas in Nepal lotta contro il traffico di esseri umani. Un flagello in aumento, spesso favorito dagli stessi parenti e spacciato per “lavoro”. Una serie di incontri a ogni livello per sensibilizzare sul problema i giovani, cattolici e non.

    18/04/2015 VATICANO
    Papa: Denunciare e combattere la tratta di esseri umani, un male che si vuole occultare
    Nell’udienza ai partecipanti alla plenaria della Pontificia accademia delle scienze sociali, papa Francesco spinge a trovare legislazioni nazionali e internazionali per “assicurare i trafficanti alla giustizia e reimpiegare i loro ingiusti guadagni per la riabilitazione delle vittime”. La lotta alla schiavitù, opera di santi cristiani e di “tanti uomini e donne di buona volontà, che non si riconoscono in una fede religiosa”.



    In evidenza

    RUSSIA-UCRAINA
    La riconciliazione possibile fra Mosca e Kiev

    Vladimir Rozanskij

    Il Sinodo straordinario per i 100 anni della restaurazione del Patriarcato di Mosca, ha rivolto un appello per il ritorno alla comunione con il Patriarcato di Kiev. La risposta di Filaret , molto positiva,  chiede perdono e offre perdono. Da anni vi sono prevaricazioni, espressioni di odio, sequestri di chiese. L’invasione della Crimea ha acuito la divisione. Il governo ucraino rema contro.


    VATICANO-MYANMAR-BANGLADESH
    Non solo Rohingya: il messaggio di papa Francesco a Myanmar e Bangladesh

    Bernardo Cervellera

    L’informazione troppo concentrata sul “dire/non dire” la parola Rohingya. Il papa evita il tribunale mediatico o la condanna, ma traccia piste costruttive di speranza. Una cittadinanza a parte intera per le decine di etnie e uno sviluppo basato sulla dignità umana. L’unità fra i giovani e le diverse etnie, ammirata da buddisti e musulmani.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®