13/07/2016, 11.28
INDIA

Kerala, nelle sale il primo documentario sui martiri di Kandhamal

Il documentario si intitola “Voce dalle rovine – Kandhamal in cerca di giustizia”, e sarà proiettato dal 17 al 19 luglio. Il regista ripercorre le origini della violenza contro i cristiani dell’Orissa, in maggioranza poveri tribali e dalit. I radicali indù si sono resi protagonisti di varie ondate di persecuzione a partire dagli anni ’60. La lotta dei sopravvissuti per avere giustizia; i numeri delle violenze.

Thiruvananthapuram (AsiaNews) – Tra pochi giorni verrà proiettato in tre sale del Kerala, nella parte meridionale dell’India, il primo film-documentario sulle violenze contro i martiri cristiani di Kandhamal (nello Stato dell’Orissa). P. Ajaya Kumar Singh, noto attivista sociale che lavora tra i sopravvissuti delle violenze del 2008, ha spiegato a Matters India che il film “non solo cattura l’agonia delle persone, ma narra anche le loro peregrinazioni e la lotta per ottenere giustizia”.

Il film, dal titolo “Voce dalle rovine – Kandhamal in cerca di giustizia”, è diretto dal regista K P Sasi. Il lungometraggio dura circa 90 minuti e sarà proiettato in tre serate consecutive, dal 17 al 19 luglio, in altrettante città del Kerala: Thrissur, Kozhikode e Thiruvananthapuram, la capitale statale.

P. Singh ha spiegato l’importanza del documentario, che ripercorre le origini e le motivazioni delle violenze contro i cristiani dell’Orissa. Il distretto di Kandhamal, dove nell’agosto del 2008 è avvenuto il più atroce pogrom contro la comunità cristiana di tutta l’India, è abitato in prevalenza da tribali e dalit. L’odio contro la minoranza non è recente, ha spiegato l’attivista, ma risale almeno agli anni Sessanta, e si è manifestato in successive ondate di persecuzione negli anni ’80, ’90 e 2000.

Gli episodi più gravi però sono avvenuti nel 2008, in seguito all’uccisione dello swami Laxamananda Saraswati, che i radicali indù del Vhp (Vishwa Hindu Parishad) hanno addebitato ai cristiani nonostante i guerriglieri maoisti avessero ammesso la propria responsabilità. Il massacro dei cristiani che rifiutavano di convertirsi alla religione indù si è protratto per diversi mesi. I numeri delle violenze sono ormai accertati: quasi 100 persone uccise; 350 chiese e luoghi di culto distrutti; 56mila persone sfollate, costrette a abbandonare le proprie case e a rifugiarsi nella foresta, dove hanno sofferto la fame e l’indigenza; oltre 6.500 case rase al suolo; più di 40 le donne violentate, tra cui una suora.

Le vittime sono quasi tutte poveri dalit e tribali, ancora in attesa di giustizia. Mentre i criminali sono a piede libero, gli unici in carcere sono sette cristiani, detenuti con false accuse. Di recente un gruppo di avvocati, attivisti, intellettuali e scrittori ha creato un sito internet per dare loro sostegno e impedire che la causa delle vittime venga dimenticata.

Il regista ha dichiarato che il film tenta di “mostrare i problemi dei sopravvissuti, attraverso le loro voci e scene dedicate all’analisi delle origini storiche della violenza. Nel film si vede l’impatto della violenza sui vari strati delle comunità e la lotta dei sopravvissuti che chiedono giustizia”.

Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Kandhamal, inaugurato il primo sito internet sulle vittime dell’Orissa
26/02/2016 11:01
Orissa, 534 cresime nella Chiesa perseguitata del Kandhamal
23/01/2018 12:56
Orissa, 3mila persone all’anniversario dei pogrom contro i cristiani di Kandhamal
28/08/2017 15:29
Orissa, ordinati 2 sacerdoti al servizio dei cristiani di Kandhamal
23/04/2016 12:12
Orissa, eretto il primo monumento per i martiri dei pogrom anticristiani
23/02/2015