11 Dicembre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 13/07/2016, 11.28

    INDIA

    Kerala, nelle sale il primo documentario sui martiri di Kandhamal



    Il documentario si intitola “Voce dalle rovine – Kandhamal in cerca di giustizia”, e sarà proiettato dal 17 al 19 luglio. Il regista ripercorre le origini della violenza contro i cristiani dell’Orissa, in maggioranza poveri tribali e dalit. I radicali indù si sono resi protagonisti di varie ondate di persecuzione a partire dagli anni ’60. La lotta dei sopravvissuti per avere giustizia; i numeri delle violenze.

    Thiruvananthapuram (AsiaNews) – Tra pochi giorni verrà proiettato in tre sale del Kerala, nella parte meridionale dell’India, il primo film-documentario sulle violenze contro i martiri cristiani di Kandhamal (nello Stato dell’Orissa). P. Ajaya Kumar Singh, noto attivista sociale che lavora tra i sopravvissuti delle violenze del 2008, ha spiegato a Matters India che il film “non solo cattura l’agonia delle persone, ma narra anche le loro peregrinazioni e la lotta per ottenere giustizia”.

    Il film, dal titolo “Voce dalle rovine – Kandhamal in cerca di giustizia”, è diretto dal regista K P Sasi. Il lungometraggio dura circa 90 minuti e sarà proiettato in tre serate consecutive, dal 17 al 19 luglio, in altrettante città del Kerala: Thrissur, Kozhikode e Thiruvananthapuram, la capitale statale.

    P. Singh ha spiegato l’importanza del documentario, che ripercorre le origini e le motivazioni delle violenze contro i cristiani dell’Orissa. Il distretto di Kandhamal, dove nell’agosto del 2008 è avvenuto il più atroce pogrom contro la comunità cristiana di tutta l’India, è abitato in prevalenza da tribali e dalit. L’odio contro la minoranza non è recente, ha spiegato l’attivista, ma risale almeno agli anni Sessanta, e si è manifestato in successive ondate di persecuzione negli anni ’80, ’90 e 2000.

    Gli episodi più gravi però sono avvenuti nel 2008, in seguito all’uccisione dello swami Laxamananda Saraswati, che i radicali indù del Vhp (Vishwa Hindu Parishad) hanno addebitato ai cristiani nonostante i guerriglieri maoisti avessero ammesso la propria responsabilità. Il massacro dei cristiani che rifiutavano di convertirsi alla religione indù si è protratto per diversi mesi. I numeri delle violenze sono ormai accertati: quasi 100 persone uccise; 350 chiese e luoghi di culto distrutti; 56mila persone sfollate, costrette a abbandonare le proprie case e a rifugiarsi nella foresta, dove hanno sofferto la fame e l’indigenza; oltre 6.500 case rase al suolo; più di 40 le donne violentate, tra cui una suora.

    Le vittime sono quasi tutte poveri dalit e tribali, ancora in attesa di giustizia. Mentre i criminali sono a piede libero, gli unici in carcere sono sette cristiani, detenuti con false accuse. Di recente un gruppo di avvocati, attivisti, intellettuali e scrittori ha creato un sito internet per dare loro sostegno e impedire che la causa delle vittime venga dimenticata.

    Il regista ha dichiarato che il film tenta di “mostrare i problemi dei sopravvissuti, attraverso le loro voci e scene dedicate all’analisi delle origini storiche della violenza. Nel film si vede l’impatto della violenza sui vari strati delle comunità e la lotta dei sopravvissuti che chiedono giustizia”.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    26/02/2016 11:01:00 INDIA
    Kandhamal, inaugurato il primo sito internet sulle vittime dell’Orissa

    Il sito è stato creato da un gruppo di attivisti, avvocati, intellettuali e artisti con lo scopo di essere “una fonte autentica di informazioni” sulle violenze del 2008 contro i cristiani. Il governo dell’Orissa ha nominato due commissioni di inchiesta, ma i risultati del loro lavoro non sono stati resi noti. Fino a gennaio 2016, presentate 3.232 denunce, ma solo 827 sono state registrate. Il tasso di assoluzione nei processi di omicidio è dell’88,6%.



    28/08/2017 15:29:00 INDIA
    Orissa, 3mila persone all’anniversario dei pogrom contro i cristiani di Kandhamal

    Le celebrazioni si sono svolte il 26 agosto a G. Udayagiri. Le violenze del 2008 “il più grande e ben pianificato attacco contro i cristiani”. “Vergognoso che ancora oggi le vittime non abbiano ottenuto giustizia”. “La lotta per la giustizia nel Kandhamal è diventata una lotta per la giustizia in tutta la nazione”.



    23/04/2016 12:12:00 INDIA
    Orissa, ordinati 2 sacerdoti al servizio dei cristiani di Kandhamal

    P. Pritam Singh e p. Bhanja Kishore Singh sono stati ordinati da mons. John Barwa, arcivescovo di Cuttack-Bhubaneswar. Alla cerimonia erano presenti oltre 1000 cattolici, 35 sacerdoti e 50 suore. Ora il distretto ha 12 sacerdoti, il numero più elevato di tutto lo Stato dell’Orissa. L’aumento delle consacrazioni conferma che la comunità cristiana non è intimorita dalle violenze scatenate dai radicali indù contro di essa.



    23/02/2015 INDIA
    Orissa, eretto il primo monumento per i martiri dei pogrom anticristiani
    L'iniziativa è del villaggio Tiangia, che ha voluto ricordare le vittime della comunità, "pilastri di testimonianza". L'arcivescovo di Cuttack-Bhubaneswar ha benedetto la lapide commemorativa alla presenza del clero locale e centinaia di fedeli. Le violenze di Kandhamal del 2008 sono state le peggiori mai compiute contro la minoranza religiosa in India.

    08/04/2017 10:57:00 INDIA
    Primo sacerdote carmelitano del Kandhamal: Aiuterò gli indù a capire la fede cattolica

    Johnson Digal ha 29 anni e proviene da un villaggio di 20 famiglie, per la maggior parte indù. Durante i pogrom del 2008 la sua casa è stata bruciata ed egli ha vissuto in un campo profughi. “Da quando ho iniziato a fare visita ai miei vicini, essi hanno iniziato a cambiare atteggiamento e non hanno più una concezione negativa del cristianesimo”.





    In evidenza

    RUSSIA-UCRAINA
    La riconciliazione possibile fra Mosca e Kiev

    Vladimir Rozanskij

    Il Sinodo straordinario per i 100 anni della restaurazione del Patriarcato di Mosca, ha rivolto un appello per il ritorno alla comunione con il Patriarcato di Kiev. La risposta di Filaret , molto positiva,  chiede perdono e offre perdono. Da anni vi sono prevaricazioni, espressioni di odio, sequestri di chiese. L’invasione della Crimea ha acuito la divisione. Il governo ucraino rema contro.


    VATICANO-MYANMAR-BANGLADESH
    Non solo Rohingya: il messaggio di papa Francesco a Myanmar e Bangladesh

    Bernardo Cervellera

    L’informazione troppo concentrata sul “dire/non dire” la parola Rohingya. Il papa evita il tribunale mediatico o la condanna, ma traccia piste costruttive di speranza. Una cittadinanza a parte intera per le decine di etnie e uno sviluppo basato sulla dignità umana. L’unità fra i giovani e le diverse etnie, ammirata da buddisti e musulmani.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®