23 Marzo 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 13/07/2016, 11.28

    INDIA

    Kerala, nelle sale il primo documentario sui martiri di Kandhamal



    Il documentario si intitola “Voce dalle rovine – Kandhamal in cerca di giustizia”, e sarà proiettato dal 17 al 19 luglio. Il regista ripercorre le origini della violenza contro i cristiani dell’Orissa, in maggioranza poveri tribali e dalit. I radicali indù si sono resi protagonisti di varie ondate di persecuzione a partire dagli anni ’60. La lotta dei sopravvissuti per avere giustizia; i numeri delle violenze.

    Thiruvananthapuram (AsiaNews) – Tra pochi giorni verrà proiettato in tre sale del Kerala, nella parte meridionale dell’India, il primo film-documentario sulle violenze contro i martiri cristiani di Kandhamal (nello Stato dell’Orissa). P. Ajaya Kumar Singh, noto attivista sociale che lavora tra i sopravvissuti delle violenze del 2008, ha spiegato a Matters India che il film “non solo cattura l’agonia delle persone, ma narra anche le loro peregrinazioni e la lotta per ottenere giustizia”.

    Il film, dal titolo “Voce dalle rovine – Kandhamal in cerca di giustizia”, è diretto dal regista K P Sasi. Il lungometraggio dura circa 90 minuti e sarà proiettato in tre serate consecutive, dal 17 al 19 luglio, in altrettante città del Kerala: Thrissur, Kozhikode e Thiruvananthapuram, la capitale statale.

    P. Singh ha spiegato l’importanza del documentario, che ripercorre le origini e le motivazioni delle violenze contro i cristiani dell’Orissa. Il distretto di Kandhamal, dove nell’agosto del 2008 è avvenuto il più atroce pogrom contro la comunità cristiana di tutta l’India, è abitato in prevalenza da tribali e dalit. L’odio contro la minoranza non è recente, ha spiegato l’attivista, ma risale almeno agli anni Sessanta, e si è manifestato in successive ondate di persecuzione negli anni ’80, ’90 e 2000.

    Gli episodi più gravi però sono avvenuti nel 2008, in seguito all’uccisione dello swami Laxamananda Saraswati, che i radicali indù del Vhp (Vishwa Hindu Parishad) hanno addebitato ai cristiani nonostante i guerriglieri maoisti avessero ammesso la propria responsabilità. Il massacro dei cristiani che rifiutavano di convertirsi alla religione indù si è protratto per diversi mesi. I numeri delle violenze sono ormai accertati: quasi 100 persone uccise; 350 chiese e luoghi di culto distrutti; 56mila persone sfollate, costrette a abbandonare le proprie case e a rifugiarsi nella foresta, dove hanno sofferto la fame e l’indigenza; oltre 6.500 case rase al suolo; più di 40 le donne violentate, tra cui una suora.

    Le vittime sono quasi tutte poveri dalit e tribali, ancora in attesa di giustizia. Mentre i criminali sono a piede libero, gli unici in carcere sono sette cristiani, detenuti con false accuse. Di recente un gruppo di avvocati, attivisti, intellettuali e scrittori ha creato un sito internet per dare loro sostegno e impedire che la causa delle vittime venga dimenticata.

    Il regista ha dichiarato che il film tenta di “mostrare i problemi dei sopravvissuti, attraverso le loro voci e scene dedicate all’analisi delle origini storiche della violenza. Nel film si vede l’impatto della violenza sui vari strati delle comunità e la lotta dei sopravvissuti che chiedono giustizia”.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    26/02/2016 11:01:00 INDIA
    Kandhamal, inaugurato il primo sito internet sulle vittime dell’Orissa

    Il sito è stato creato da un gruppo di attivisti, avvocati, intellettuali e artisti con lo scopo di essere “una fonte autentica di informazioni” sulle violenze del 2008 contro i cristiani. Il governo dell’Orissa ha nominato due commissioni di inchiesta, ma i risultati del loro lavoro non sono stati resi noti. Fino a gennaio 2016, presentate 3.232 denunce, ma solo 827 sono state registrate. Il tasso di assoluzione nei processi di omicidio è dell’88,6%.



    23/04/2016 12:12:00 INDIA
    Orissa, ordinati 2 sacerdoti al servizio dei cristiani di Kandhamal

    P. Pritam Singh e p. Bhanja Kishore Singh sono stati ordinati da mons. John Barwa, arcivescovo di Cuttack-Bhubaneswar. Alla cerimonia erano presenti oltre 1000 cattolici, 35 sacerdoti e 50 suore. Ora il distretto ha 12 sacerdoti, il numero più elevato di tutto lo Stato dell’Orissa. L’aumento delle consacrazioni conferma che la comunità cristiana non è intimorita dalle violenze scatenate dai radicali indù contro di essa.



    23/02/2015 INDIA
    Orissa, eretto il primo monumento per i martiri dei pogrom anticristiani
    L'iniziativa è del villaggio Tiangia, che ha voluto ricordare le vittime della comunità, "pilastri di testimonianza". L'arcivescovo di Cuttack-Bhubaneswar ha benedetto la lapide commemorativa alla presenza del clero locale e centinaia di fedeli. Le violenze di Kandhamal del 2008 sono state le peggiori mai compiute contro la minoranza religiosa in India.

    02/09/2016 09:12:00 INDIA
    Mons. Barwa: Madre Teresa porti la pace a Kandhamal

    Il vescovo dell’Orissa chiede l‘intercessione della futura santa per riportare pace e riconciliazione. Il prossimo 4 settembre, giorno in cui la Madre verrà canonizzata, in India si terranno celebrazioni, festeggiamenti e incontri.



    25/08/2016 11:12:00 INDIA
    Card. Gracias: Le vittime di Kandhamal possano essere innalzate sull’altare dei martiri

    L’arcivescovo di Mumbai ha mandato un messaggio per la Giornata delle vittime del prossimo 30 agosto. Quest’anno si commemorano le più feroci violenze contro i cristiani attuate dai radicali indù. “Possa il sangue versato dai cristiani portare molti frutti alla Chiesa in Orissa”.





    In evidenza

    VATICANO
    Il Papa ai giovani: Memoria del passato, coraggio nel presente, speranza per il futuro



    Diffuso oggi il Messaggio per la 32ma Giornata mondiale della gioventù sul tema “Grandi cose ha fatto per me l’Onnipotente”. Il modello di Maria nel suo incontro con Elisabetta. Rifiutare l’immobilità del “divano” dove starsene comodi e sicuri. Vivere l’esperienza della Chiesa non come una “flashmob” istantanea. Riscoprire il rapporto con gli anziani. Vivere il futuro in modo costruttivo non svalutando “le istituzioni del matrimonio, della vita consacrata, della missione sacerdotale”.


    AFGHANISTAN
    P. Moretti: Le Piccole sorelle di Gesù, per 60 anni “afghane fra gli afghani”



    Hanno vissuto 60 anni al servizio dei bisognosi. Sono rimaste a Kabul sotto l’occupazione sovietica, il controllo dei talebani e i bombardamenti Nato. Rispettate da tutti, anche dai talebani. Questo febbraio è finita la loro esperienza, secondo p. Moretti “una a cui guardare”.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®