03/06/2011, 00.00
TURCHIA - VATICANO
Invia ad un amico

La Chiesa turca ricorda mons. Padovese a un anno dal suo assassinio

Vi sarà una messa a Iskenderun, presieduta da mons. Ruggero Franceschini, con la presenza del nunzio. I cattolici sono silenziosi e discreti. Murat Altun, l’assassino di mons. Padovese rischiava di essere liberato per insanità di mente. Ma una Commissione medica di Istanbul ha stabilito che egli è sano di mente. Non vi è ancora la data del processo. Lo scorso Giovedì Santo vi è stato un attentato contro un cappuccino indiano.
Ankara (AsiaNews) – Il 5 giugno prossimo la Chiesa cattolica turca ricorderà mons. Luigi Padovese a un anno dal suo assassinio. Nella cattedrale di Iskenderun, di cui Padovese era il vescovo, sarà celebrata una messa alla presenza di rappresentanti delle diverse confessioni cristiane e delle autorità locali. Il presidente della celebrazione sarà mons. Ruggero Franceschini, arcivescovo di Izmir e anche vicario apostolico di Iskenderun (Anatolia). Secondo informazioni di AsiaNews alla celebrazione sarà presente anche il nunzio mons. Antonio Lucibello e alcuni rappresentanti del Vaticano giunti apposta da Roma.
 
Fra i cattolici c’è molto silenzio e discrezione sull’anniversario, forse per timore che il ricordo dell’assassinio possa rinfocolare polemiche e tensioni, così vicino all’appuntamento elettorale nazionale del 12 giugno. Ma secondo alcuni cattolici vi è nel Paese una crescita di nazionalismo e fondamentalismo che si sfoga con violenze verso i cristiani.
 
Mons. Luigi Padovese, cappuccino, è stato sgozzato il 3 giugno 2010 dal suo autista, il giovane Murat Altun, (03/06/2010 Mons. Luigi Padovese assassinato nel sud della Turchia; 04/06/2010 Accusa di omicidio per l’autista di mons. Padovese. I dubbi sulla sua “follia”). L’assassino, allora 26enne, arrestato dalla polizia ha espresso diversi motivi per il suo gesto: inimicizia “islamica”; rapporto morboso e omosessuale; follia…
 
Molte volte mons. Franceschini è intervenuto per chiedere “verità” e non “pie bugie” (10/06/2010 Arcivescovo di Smirne: Sul martirio di mons. Padovese vogliamo la verità e non “pie bugie”; 16/10/2010 Mons. Franceschini: Ultranazionalisti e fanatici religiosi gli assassini di mons. Padovese; 02/12/2010 Mons. Franceschini: La Chiesa turca “non può intervenire” contro le falsità su mons. Padovese). Fino a ieri queste sue richieste sembravano rimanere senza risposta. Secondo fonti di AsiaNews l’autista rischiava di non essere nemmeno processato e liberato per insanità di mente. Ma proprio ieri una Commissione di medici di Istanbul, a cui era giunta tutta la documentazione su Altun, ha stabilito che egli è sano di mente e perciò è possibile che il processo si farà, anche se non è stata ancora fissata alcuna data.
 
Negli anni scorsi, vi sono stati altri attentati contro sacerdoti cattolici e cristiani: don Andrea Santoro, ucciso nel 2006 a Trabzon; tre cristiani protestanti sgozzati a Malatya nel 2007; il giornalista Hrant Dink, di origine armena, ucciso nel 2007 a Istanbul.
 
Vi sono stati anche ferimenti a tentativi di assassinio. L’ultimo in ordine di tempo è avvenuto a Adana (Anatolia). Lo scorso Giovedì Santo, dopo le celebrazioni, un gruppo di giovani è penetrato nella chiesa e ha cercato di uccidere il sacerdote, un cappuccino indiano, p. Francis. Alcuni giovani cattolici hanno bloccato con prontezza i malviventi rinchiudendoli in una stanza. Hanno poi chiamato la polizia a cui li hanno consegnati. P. Francis è ora in India in attesa che la situazione si calmi.
Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Mons. Franceschini: La Chiesa turca “non può intervenire” contro le falsità su mons. Padovese
02/12/2010
L’uccisione di mons. Padovese e la nascita della nuova Turchia
04/06/2011
Card. Tettamanzi: Mons. Padovese, vogliamo raccogliere il lamento della Chiesa turca
14/06/2010
Condannato a 15 anni di carcere l'assassino di mons. Padovese
22/01/2013
Turchia, arrestata la “mente” del massacro dei cristiani a Malatya
18/03/2011