05/04/2017, 16.36
PAKISTAN
Invia ad un amico

Lahore, caravan per la tolleranza. Un altro attentato contro funzionari del censimento

di Shafique Khokhar

Il caravan toccherà varie città in tutto il Pakistan. L’iniziativa è del Rwadari Tehreek Movement e vede la partecipazione di attivisti di varie confessioni religiose. Vuole creare la pace promuovendo il rispetto della diversità. Nell’attentato contro il gruppo di funzionari, morti anche quattro poliziotti della scorta.

Lahore (AsiaNews) – Un “caravan per la tolleranza” che toccherà varie città pakistane per promuovere la pace nel Paese. È l’iniziativa lanciata ieri a Lahore dal Rwadari Tehreek Movement (Movimento per la tolleranza e il pluralismo). Nel frattempo oggi nella città si è verificato l’ennesimo attacco suicida che ha colpito un gruppo di funzionari impegnati nella raccolta delle informazioni per il censimento, il primo dopo 19 anni. Nell’attentato sono morte sei persone, tra le quali quattro poliziotti della scorta.

Il progetto del Rwadari Caravan è stato inaugurato al Lahore Press Club, alla presenza di Sheikh Iftikhar Rasool, segretario per l’informazione nel Punjab del Rwadari Tehreek Movement, e Riffat Saud, segretario generale del Movimento a Lahore. Esso vede la partecipazione di attivisti di varie confessioni religiose – provenienti dalle province del Sindh, Punjab, Baluchistan e Khyber Pakhtunkhwa – tutti con l’obiettivo di diffondere la tolleranza religiosa e l’armonia tra le fedi.

Il caravan attraverserà varie città e luoghi di interesse, passando da Faisalabad, Multan, Bahawalpur, Rahim Yar Khan, Sukkur, per il tempio di Sachal Sarmast e per quello di Qalandhar Lal Shahbaz a Sehwan Sharif; poi sarà la volta di Hyderabad e infine l’8 aprile raggiungerà il Rwadari Festival al Consiglio dell’arte a Karachi.

Samson Salamat, presidente del Movimento e principale artefice dell’iniziativa, ha affermato: “Il nostro futuro è strettamente legato alla coesistenza pacifica, che non è possibile se non si adotta e rende popolare la cultura della tolleranza religiosa e il rispetto delle religioni e di tutte le differenze nella nostra società”. L’attivista ha sottolineato che il Pakistan sta attraversando un periodo di “sofferenza a causa di varie forme di violenza, perpetrate soprattutto in nome della religione. Ora basta. Dobbiamo fare ogni sforzo per mettere sotto controllo questa situazione. Vivere in un ambiente pacifico è un nostro diritto”.

Saadia Sohail, membro dell’Assemblea provinciale, aggiunge: “È davvero spiacevole che a due anni dall’approvazione del National Action Plan [contro il terrorismo, ndr] i leader e i membri di gruppi terroristi banditi dal governo organizzino manifestazioni, incontri e altre attività alla luce del sole, minacciando la vita delle persone e pronunciando discorsi carichi di odio”.

Salman Abid, noto scrittore, sostiene che “sforzi simili devono essere implementati in questo momento di bisogno. È un messaggio rivolto a tutte le persone del Pakistan: possiamo portare la pace nella società attraverso la tolleranza religiosa e il rispetto della diversità”.

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Da Lahore un ‘caravan per la pace’ contro il terrorismo
10/04/2018 12:58
Attivisti di tutte le religioni: Costruire la pace in Pakistan, contro l’odio e il terrorismo
25/05/2016 13:17
Lahore: L’iftar, un momento per creare ‘ponti’
23/05/2019 10:27
Lahore: musulmani, cristiani e indù festeggiano il compleanno di Maometto
22/11/2018 15:24
Lahore, Movimento per la tolleranza in sciopero della fame contro le leggi sulla blasfemia
10/03/2018 11:59