21 Novembre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  •    - Afghanistan
  •    - Bangladesh
  •    - Bhutan
  •    - India
  •    - Nepal
  •    - Pakistan
  •    - Sri Lanka
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 24/08/2017, 08.37

    INDIA

    Mons. Barwa: Il Kandhamal Day a ricordo delle sofferenze dei cristiani

    Nirmala Carvalho

    Domani ricorre il nono anniversario dei pogrom contro i cristiani dell’Orissa. A Kandhamal più di 10mila persone di ogni fede si uniranno insieme “per mostrare solidarietà e amore” alle vittime. L’arcivescovo: “Vogliamo l’applicazione della sentenza della Corte suprema che accorda maggiori risarcimenti”.

    Cuttack-Bhubaneswar (AsiaNews) – “La mia preghiera è che il Kandhamal Day sia ricordato come un movimento di popolo e che la lotta, la sofferenza della nostra gente – il perduto, l’ultimo e il più piccolo – siano per tutti prova della fede”. È l’augurio di mons. John Barwa, arcivescovo di Cuttack-Bhubaneswar, alla vigilia della giornata in cui ricorre la memoria del massacro contro i cristiani dell’Orissa. Domani, continua l’arcivescovo, “sarà il nono anniversario delle violenze”, attuate dai radicali indù nell’agosto del 2008. Per l’occasione a Kandhamal, il distretto più colpito dalla furia omicida dei nazionalisti, si “raccoglieranno più di 10mila persone, in solidarietà con le vittime. Persone di ogni fede si uniranno insieme per [mostrare] solidarietà e amore”.

    Il 25 agosto la Chiesa indiana ricorda i feroci pogrom scatenati da gruppi nazionalisti e militanti indù. Il 23 agosto 2008 un gruppo maoista uccide il leader indù Laxamananda Saraswati (leader del gruppo nazionalista indù Vishna Hindu Parishad) nel suo ashram, nel distretto di Kandhamal. Nonostante i guerriglieri ammettano subito la loro responsabilità, i radicali indù scaricano la colpa sui cristiani, da tempo criticati dal guru per il loro impegno sociale con tribali e dalit (fuori casta) e accusati – insieme a vescovi, sacerdoti e suore – di fare proselitismo.

    A Kandhamal gli estremisti indù scatenano la persecuzione più violenta contro la minoranza cristiana mai avvenuta in India. I pogrom costringono alla fuga quasi 56mila fedeli e causano la razzia e il rogo di 5.600 case in 415 villaggi. Secondo i dati del governo, i morti accertati sono 38; due le donne stuprate; numerose le persone con mutilazioni e danni permanenti. Tuttavia, i numeri di Chiesa e attivisti sociali sono altri: quasi 300 chiese distrutte, oltre a conventi, scuole, ostelli e istituti di assistenza. Almeno 91 vittime: 38 morte sul colpo, 41 per le ferite subite nelle violenze, 12 in azioni di polizia.

    All’incontro di domani mons. Barwa non sarà presente, ma tiene a sottolineare che “accompagnerò il mio popolo nella preghiera e nello spirito. Non solo pregheremo per il sacrificio del popolo di Kandhamal, ma sosterremo la richiesta delle vittime e dei sopravvissuti, che lottano per ottenere giustizia”. “Vogliamo inoltre – continua l’arcivescovo – che venga attuata la sentenza della Corte suprema del 2 agosto 2016”. In quel pronunciamento, i giudici del tribunale supremo dell’India “hanno ordinato l’immediata riapertura dei casi in cui le assoluzioni non sono giustificate dai fatti, definito come insignificanti i risarcimenti concessi e stabilito compensazioni per le case distrutte e le famiglie spezzate dal lutto. I giudici hanno ordinato maggiori pagamenti per i danni e per i feriti a causa delle violenze”.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    28/08/2017 15:29:00 INDIA
    Orissa, 3mila persone all’anniversario dei pogrom contro i cristiani di Kandhamal

    Le celebrazioni si sono svolte il 26 agosto a G. Udayagiri. Le violenze del 2008 “il più grande e ben pianificato attacco contro i cristiani”. “Vergognoso che ancora oggi le vittime non abbiano ottenuto giustizia”. “La lotta per la giustizia nel Kandhamal è diventata una lotta per la giustizia in tutta la nazione”.



    16/08/2017 10:43:00 INDIA
    Associazioni indiane: il 25 agosto ricordiamo le vittime cristiane del Kandhamal

    Il National Solidarity Forum comprende oltre 70 organizzazioni ed è nato all’indomani dei pogrom contro i cristiani del 2008. Osservare il “Kandhamal Day” per non dimenticare le vittime e dare loro giustizia. “Le vostre azioni di solidarietà saranno di ispirazione per coloro che lottano”. Le richieste del Forum.



    25/08/2014 INDIA
    Orissa, 6 anni dopo i pogrom "la fede nel Cristo crocifisso non ci abbandona mai"
    Nello Stato indiano, teatro della terribile persecuzione anti-cristiana del 2008, si celebra oggi una Giornata della memoria in ricordo delle vittime e per chiedere al governo giustizia per quanto accaduto. L'arcivescovo di Cuttack-Bhubaneshwar ad AsiaNews: "La testimonianza offerta dalle vittime ha prodotto semi fecondi, aumentano la fede e le vocazioni". Il card. Gracias: "Le sofferenze dei cristiani indiani, offerte per la pace in Iraq".

    23/08/2013 INDIA
    I pogrom anticristiani dell’Orissa ‘hanno rafforzato la fede e l’unità del popolo’
    L’arcivescovo di Cuttack-Bhubaneshwar ricorda la distruzione delle violenze del 2008 e racconta come i cristiani hanno saputo rialzarsi. Il prossimo 25 agosto saranno cinque anni dall’inizio dei pogrom. Oggi mons. Barwa si dice “fiero” della popolazione di Kandhamal, per il suo impegno a ricostruire case, chiese e anime di chi è sopravvissuto.

    25/10/2017 15:32:00 INDIA
    Mons. Barwa: le vittime cristiane di Kandhamal meritano maggiori risarcimenti

    Oggi i leader cristiani dell’Orissa hanno presentato un documento alle autorità. Il testo chiede di applicare la sentenza della Corte suprema che stabilisce ricompense più elevate per le vittime del pogrom del 2008. Arcivescovo di Cuttack-Bhubaneswar: “Preghiamo per i sette cristiani innocenti ancora in carcere”.





    In evidenza

    HONG KONG - CINA - VATICANO
    Messa per un sacerdote sotterraneo defunto. Il card. Zen chiede a Dio la grazia di salvare la Chiesa in Cina e la Santa Sede ‘dal precipizio’

    Li Yuan

    P. Wei Heping, 41 anni, è morto in circostanze misteriose, buttato in un fiume a Taiyuan (Shanxi). Per la polizia egli si è suicidato. Ai familiari non è stato permesso nemmeno di vedere il rapporto dell’autopsia. Per il card. Zen la Santa Sede (che “non è necessariamente il papa”) cerca un compromesso a tutti i costi col governo cinese, rischiando di “svendere la Chiesa fedele”. Giustizia e pace pubblica un libretto su p. Wei, per non dimenticare.


    VATICANO - ITALIA - USA
    Papa: non più la guerra, che ha per frutto la morte, 'la distruzione di noi stessi'



    Francesco nel giorno della Commemorazione dei defunti ha celebrato messa al Cimitero americano di Nettuno. “Quando tante volte nella storia gli uomini pensano di fare una guerra, sono convinti di portare un mondo nuovo, sono convinti di fare una ‘primavera’. E finisce in un inverno, brutto, crudele, con il regno del terrore e la morte”.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®