17 Agosto 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 26/06/2017, 08.15

    IRAN

    Teheran: alle donne pari opportunità nel settore petrolifero. Il Pil continua a volare



    Con un decreto il ministero elimina barriere e discriminazioni, favorendo la scalata a posizioni di vertice. Sono 17mila le donne impiegate nel settore, il 7% con ruoli di responsabilità. Resta preclusa la possibilità di lavorare sulle piattaforme. Per la Banca centrale il Pil è cresciuto del 12,5%; fondamentali i proventi derivanti dalla vendita di petrolio. 

    Teheran (AsiaNews) - L’industria del petrolio in Iran è sempre più occasione di impiego e di carriera per le donne, grazie all’abbattimento delle barriere e all’introduzione [per legge] dell’uguaglianza fra sessi e pari opportunità. La conferma arriva dallo stesso ministro iraniano del petrolio Bijan Namdar Zanganeh, il quale ha emesso un decreto attuativo che contrasta le discriminazioni di genere e favorisce la scalata dell’universo rosa nel settore, premiandone competenze e capacità.

    Resta preclusa alle donne la possibilità di lavorare - in qualità di operaio - sulle piattaforme petrolifere e in quelle dedicate all’estrazione del gas. Una limitazione parziale, che non sminuisce la portata di un decreto che conferma il ruolo crescente del mondo femminile all’interno della Repubblica islamica e gli spazi sempre maggiori che riesce a ritagliarsi.

    Ne sono conferma le recente elezioni municipali, che hanno rappresentato un primo per aprire alle donne la strada della politica; a Teheran un candidato su cinque alle ultime votazioni era di sesso femminile. E ancora il via libera alle donne centauro che, dal settembre scorso, possono partecipare alle gare di motocross.

    Di recente è avvenuta la prima nomina di una donna in un ruolo manageriale nel settore del petrolio. Si tratta di Marzieh Shahdaei, che ha assunto la carica di direttore amministrativo della National Petrochemical Company. Un primo passo, commentano dal dicastero, per offrire “pari opportunità di lavoro e carriera” con i colleghi uomini.

    A tutt’oggi sono circa 17mila le donne che lavorano nell’industria petrolifera iraniana. Di queste, almeno 7mila sono dipendenti e altre 10mila collaborano grazie a forme contrattuali di varia natura. Una quota pari a circa l’8% del totale della forza lavoro nel settore. Il dato si abbassa al 7% se si prendono in considerazione i ruoli manageriali o con gradi di responsabilità.

    La maggior parte delle donne impiegate nel settore petrolifero ha una età variabile fra i 30 e i 34 anni, con una esperienza pregressa alle spalle di almeno 10/15 anni. Oltre il 70% di loro possiede una laurea o un titolo di studio superiore, a dimostrazione dell’elevato livello scientifico e culturale dell’universo rosa nel comparto dell’oro nero.

    Intanto anche Banca centrale iraniana (Cbi) conferma la crescita economica a due cifre del Paese e la bontà delle riforme introdotte dal neo-confermato presidente Hassan Rouhani. Prendendo in esame il calendario iraniano, nell’ultimo anno - il 1395, che si è chiuso lo scorso 20 marzo 2017 - il Prodotto interno lordo (Pil) ha segnato una crescita del 12,5%. Il dato comprende anche i proventi derivanti dal settore petrolifero e parla di un volume complessivo di 178,5 miliardi di dollari.

    L’accelerazione decisiva per la crescita del Pil deriva dai proventi della vendita dell’oro nero, che è tornato sui mercati in seguito allo storico accordo sul programma atomico, che ha determinato un parziale alleggerimento delle sanzioni economiche dell’Occidente. Tuttavia, anche escludendo il petrolio resta il saldo positivo con un più 3,3% rispetto all’anno precedente.

    Per il Fondo monetario internazionale (Fmi) le previsioni di crescita del Pil per il 2016-17 dovrebbero toccare quota 6,6%. 

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    18/05/2010 KUWAIT
    Attivisti in Kuwait: “quote rosa” nella magistratura
    Ad un anno dall’ingresso delle donne in Parlamento, nuova battaglia per le pari opportunità. In un simposio internazionale, i sostenitori spiegano che né l’islam né la Costituzione impediscono alle donne di diventare giudici o magistrati. Esponente liberal: ci appelliamo all’Emiro e al premier.

    28/12/2016 12:57:00 IRAN
    Teheran, boom nell’export di prodotti non petroliferi: +10%, per un valore di 31,6 miliardi

    La bilancia commerciale registra un saldo positivo di 55 milioni. Le importazioni si sono assestate sui 31,5 miliardi, con un incremento del 4,3%. Fra i beni più esportati il gas naturale, il Gpl e l’olio lubrificante leggero. Fra i partner commerciali prevalgono Cina, Emirati e Turchia. Cresce la partnership economica e commerciale con la Germania. 

     



    21/12/2009 IRAQ – IRAN
    Il petrolio irakeno nella guerra diplomatica fra Teheran e Washington
    È durata due giorni l’occupazione di militari iraniani di un pozzo nel sud-est dell’Iraq. Lo sconfinamento pare una mossa del regime degli ayatollah, per aumentare la tensione con la comunità internazionale. E una risposta a Baghdad per la mancata chiusura di un campo che ospita esponenti della resistenza iraniana.

    13/06/2015 IRAN
    Teheran toglie il divieto: (alcune) donne possono assistere a partite di pallavolo
    Le partite della World League verranno disputate nella capitale a fine mese. Alcune donne (tra cui le mogli dei giocatori) potranno assistere agli incontri. Il divieto sussiste dalla rivoluzione del ’79. La decisione che conferma la moderatezza del governo Rouhani in campo religioso.

    23/09/2016 14:08:00 IRAN
    Iran, la rivoluzione a due ruote delle donne contro la fatwa dell’ayatollah Khamenei

    Attraverso l’hashtag #IranianWomenLoveCycling, sempre più donne pubblicano sui social foto e video a bordo di una bici. Una sfida aperta all’editto religioso della massima autorità sciita, secondo cui la bici mette in pericolo “la verginità” delle donne. Attivista iraniana: l’universo rosa è “il più importante agente di cambiamento”. 





    In evidenza

    LIBANO-M. ORIENTE-VATICANO
    Patriarchi cattolici d’Oriente: Il genocidio dei cristiani, un affronto contro tutta l’umanità

    Fady Noun

    Colpite da guerre, emigrazione e insicurezza, le comunità cristiane si sono ridotte ormai a un “piccolo gregge” nell’indifferenza internazionale. Un appello a papa Francesco e alla comunità internazionale. Cattolici e ortodossi condividono gli stessi problemi. La fine dei cristiani in Oriente sarebbe “uno stigma di vergogna per tutto il XXI secolo”.


    COREA
    Vescovi coreani: No alle ‘provocazioni imprudenti’. Fermiamo l’escalation nucleare lavorando per la ‘coesistenza dell’umanità’



    I vescovi coreani hanno diffuso oggi un’Esortazione sulle tensioni crescenti attorno alla penisola coreana. La Corea del Nord, ma anche i “Paesi limitrofi” rischiano di compiere “azioni precipitose, senza freni”, che potrebbero portare alla “morte di innumerevoli persone” e a “piaghe profonde per l’intera l’umanità”. Ridurre le spese militari e potenziare le spese per lo sviluppo umano e culturale. L’appello a usare “la coscienza, l’intelligenza, la solidarietà, la pietà e il mutuo rispetto”. La preghiera nel giorno dell’Assunta, festa dell’indipendenza coreana.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®