29/12/2012, 00.00
COREA DEL SUD
Invia ad un amico

Seoul, il governo rivede al ribasso le stime economiche per il 2013

Prima di lasciare l'incarico, il governo guidato da Lee Myung-bak è costretto a un nuovo bilancio negativo per il prossimo anno: la Corea crescerà del 2,1% per l'anno in corso contro la previsione del 3,3%. "Miglioramenti" possibili per il prossimo anno fiscale.

Seoul (AsiaNews/Agenzie) - Nonostante i grandi sforzi dell'ultimo anno, il nuovo esecutivo della Corea del Sud si troverà davanti una situazione economica molto peggiore rispetto a quella di 5 anni fa. Prima di lasciare l'incarico a Park Geun-hye, infatti, il governo guidato da Lee Myung-bak ha rivisto in netto calo le previsioni di crescita per il 2012 e il 2013.

Secondo gli analisti economici della Casa Blu, la causa principale di questa situazione è imputabile alla crisi del debito in Europa e alle difficoltà di bilancio negli Stati Uniti, fattori che stanno pesando sulla domanda mondiale. Il ministero delle Finanze della quarta economia asiatica stima una crescita del 2,1% nel 2012 (contro la previsione del +3,3% precedente) e del 3% nel 2013 (dal 4,3%).

"L'economia continua a rallentare - ha detto il ministero in una nota - mentre la domanda globale è ostacolata dalla persistente crisi della zona euro e dalle incertezze ancora presenti". La crescita del prodotto interno lordo della Corea del Sud dovrebbe continuare a essere limitata nel primo semestre del 2013, ma "potrebbe migliorare leggermente" nel secondo semestre, grazie alla ripresa prevista nei mercati principali.

 

 

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Corea, presentato il vademecum del cattolico ecologista
19/04/2012
La crisi economica attacca Seoul: “Troppo dipendente dall’estero”
16/08/2011
Il G20 decide di non decidere e rinvia tutto a Nizza
12/11/2010
Corea del Sud, Park Geun-hye è il nuovo presidente
19/12/2012
Apre in Corea del Nord un ufficio gestito da Seoul
27/10/2005


Iscriviti alle newsletter

Iscriviti alle newsletter di Asia News o modifica le tue preferenze

ISCRIVITI ORA
“L’Asia: ecco il nostro comune compito per il terzo millennio!” - Giovanni Paolo II, da “Alzatevi, andiamo”