15 Dicembre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  •    - Brunei
  •    - Cambogia
  •    - Filippine
  •    - Indonesia
  •    - Laos
  •    - Malaysia
  •    - Myanmar
  •    - Singapore
  •    - Tailandia
  •    - Timor Est
  •    - Vietnam
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 07/09/2017, 12.11

    MYANMAR

    Rakhine, Yangon: ‘Mosca e Pechino per bloccare la risoluzione Onu’



    Negoziazioni in corso con i due membri permanenti del Consiglio di sicurezza. Il consulente per la sicurezza nazionale Thaung Tun: “La questione non andrà avanti”. Il governo respinge le accuse di pulizia etnica e denuncia “disinformazione”. I militanti Rohingya hanno dato alle fiamme 59 villaggi. Più di 26mila tribali in fuga dal Rakhine.

    Yangon (AsiaNews/Agenzie) – Il governo del Myanmar dichiara l’esistenza di negoziati con Cina e Russia, per assicurarsi il blocco di qualsiasi censura del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite sulla crisi in corso nello Stato di Rakhine. Gli operatori umanitari dell’Onu affermano che le violenze rischiano di causare l’esodo di 300mila musulmani Rohingya verso il confinante Bangladesh. La società birmana si oppone alla “disinformazione” della comunità internazionale ed i gruppi etnici denunciano le aggressioni subite per mano dei militanti armati Rohingya.

    In una rara lettera al Consiglio di sicurezza dell'Onu, lo scorso 5 settembre il segretario generale Antonio Guterres ha espresso preoccupazione per una possibile “catastrofe umanitaria” nel nord del Myanmar. Egli ha affermato che la presunta pulizia etnica condotta dall’esercito birmano costituisce un pericolo per la stabilità dell’intera regione.

    Il governo del Myanmar ha respinto più volte le accuse e ribadisce che le sue forze di sicurezza stanno combattendo una legittima campagna contro i “terroristi bengali”, responsabili di una serie di attacchi contro polizia ed esercito dall'ottobre scorso. Nelle sue prime dichiarazioni ufficiali dal 25 agosto, inizio dell’ultimo conflitto armato, Aung San Suu Kyi ha affermato ieri che la “disinformazione” con cui media e governi internazionali trattano il caso Rohingya “è calcolata per creare problemi tra le diverse comunità, con l'obiettivo di promuovere l'interesse dei terroristi”.

    In una conferenza stampa tenuta ieri a Naypyidaw, il consulente per la sicurezza nazionale Thaung Tun ha comunicato che il Myanmar conta su Cina e Russia, entrambi membri permanenti del Consiglio di sicurezza, per bloccare una risoluzione dell'Onu sulla crisi. “Stiamo negoziando con alcuni Paesi amici – ha detto il funzionario – per farla arrivare al Consiglio di sicurezza. La Cina è nostra amica e abbiamo una simile relazione amichevole con la Russia, quindi non sarà possibile che la questione vada avanti”.

    Secondo le stime più recenti emesse dagli operatori umanitari delle Nazioni Unite in Bangladesh, 146mila Rohingya hanno raggiunto il Paese dal 25 agosto, ma il numero totale di profughi potrebbe arrivare a 300mila. Ad affermarlo è Dipayan Bhattacharyya, portavoce del World Food Program (Wfp - Programma alimentare mondiale) del Bangladesh.

    Anche gli altri gruppi etnici cercano di fuggire dai combattimenti nella regione nord-occidentale di Rakhine. Autorità ed esponenti delle comunità locali riferiscono che negli ultimi giorni circa 4mila tribali hanno raggiunto Sittwe, capitale dello Stato. Il Comitato informativo del governo del Myanmar dichiara che, tra il 25 agosto ed il 4 settembre, più di 26mila persone hanno abbandonato le aree rurali di Rakhine alla volta di Sittwe, Maungdaw, Buthedaung e altre città. Sono 59 i villaggi dati alle fiamme nello stesso periodo dai militanti armati dell’Arakan Rohingya Salvation Army (Arsa).

    Citando fonti locali, Rfa riporta che a Sittwe singoli donatori forniscono cibo ed assistenza sanitaria nei 21 monasteri buddisti della città, dove hanno trovato rifugio gli sfollati.  Tra essi vi sono centinaia di famiglie indù, i cui villaggi sono stati distrutti dai combattenti islamici. Maung Hla, profugo indù proveniente da un sobborgo di Maungdaw, racconta: “Circa 40 terroristi sono entrati nel nostro villaggio, assalendo gli abitanti. Hanno picchiato anche mia moglie, che ora si trova all'ospedale di Sittwe. Inoltre, quella notte i terroristi hanno ucciso mio genero”.

    L’uomo dichiara che almeno 20 degli aggressori avevano il volto coperto e indossavano camicie mimetiche, mentre altri erano chiaramente identificabili come persone locali. “Anche la famiglia di mio nipote e alcuni miei parenti sono fuggiti a Maungdaw dal villaggio di Myinlhe, ma lungo la strada  terroristi hanno aperto il fuoco contro di loro. Uno è all'ospedale ed è ancora vivo, gli altri sono tutti morti”. “Questi terroristi musulmani hanno dato fuoco ai villaggi. Ho 65 anni e non abbiamo mai avuto problemi con i musulmani in passato. Non so perché ci hanno fatto questo”, conclude il rifugiato.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    11/09/2017 09:01:00 MYANMAR
    Rakhine, il governo respinge il cessate il fuoco offerto dai militanti Rohingya

    Il portavoce della leader birmana Aung San Suu Kyi: “Non negoziamo con i terroristi”. L'Arakan Rohingya Salvation Army (Arsa) annuncia la tregua fino al 9 ottobre per fini umanitari. Esercito: uccisi finora quasi 400 militanti islamici. L'esodo di circa 300mila Rohingya verso il Bangladesh. Gli sfollati tra i gruppi etnici sono 30mila.



    28/09/2017 12:51:00 MYANMAR
    Rakhine, i militanti Rohingya negano i massacri degli indù: ‘Noi colpevolizzati’

    L’Arsa smentisce “ omicidi, violenze sessuali o reclutamenti forzati”. Gli abitanti del villaggio indù di Ye Baw Kya raccontano che le vittime sono oltre 100, i dispersi 48. Donne forzate alla conversione e al matrimonio. Oltre 400 villaggi Rohingya dati alle fiamme, il governo del Myanmar sovrintenderà la ricostruzione. Rilasciati ai rappresentanti delle agenzie dell’Onu i permessi per visitare il Rakhine.



    14/12/2017 12:26:00 MYANMAR
    Msf: uccisi 6,700 Rohingya. Buddista del Rakhine: ‘Un’indignazione di parte’

    Il 69% morto per colpi di arma da fuoco, il 9% per incendi dolosi, il 5% per pestaggi a morte. Tra le vittime anche 730 bambini di età inferiore ai cinque anni. Secondo la Croce Rossa, sono 300mila i Rohingya rimasti in Myanmar. Giovane buddista nativo del Rakhine: “La crisi trattata dai media in modo fazioso”.



    27/09/2017 11:50:00 MYANMAR
    Rakhine, il card. Bo: ‘Con la giustizia, la pace è possibile’

    Il cardinale difende Aung San Suu Kyi da critiche e pressioni della comunità internazionale. Accolte con favore le proposte della Commissione di Kofi Annan. Continuano le inchieste del governo sulle violenze dei militanti islamici dell’Arakan Rohingya Salvation Army (Arsa).



    06/09/2017 15:29:00 MYANMAR
    Rakhine, i gruppi etnici raccontano le violenze subite: ‘Impossibile la pace con i Rohingya’

    Nella regione i tribali (buddisti e indù) sono un decimo dei musulmani. In 25mila sono sfollati nei campi allestiti dall’esercito. Le ripetute violenze compromettono la coesistenza pacifica. Diffuso un sentimento di paura per possibili infiltrazioni islamiste nel Paese. Mizzima: “L’Isis dietro gli attacchi alle postazioni dell’esercito birmano”. Il tentativo di sabotare il processo di pace di Aung San Suu Kyi.





    In evidenza

    MEDIO ORIENTE - USA
    Gerusalemme capitale, cristiani in Medio oriente contro Trump: distrugge le speranze di pace



    Il patriarcato caldeo critica una scelta che “complica” la situazione e alimenta “conflitti e guerre”. Il card. Raï parla di “decisione distruttiva” che viola le risoluzioni internazionali. Il papa copto Tawadros II cancella l’incontro col vice-presidente Usa Pence. Continua la protesta “rassegnata” dei palestinesi. Attivisti israeliani: gli Usa hanno abdicato al ruolo di mediatori nella regione. 

     


    CINA
    Le false promesse di Xi Jinping e la cacciata della ‘popolazione più bassa’ da Pechino

    Willy Wo-Lap Lam

    Decine di migliaia di migranti e le loro famiglie sono stati espulsi e mandati via dalla capitale. Eppure al recente Congresso del Partito, il presidente Xi ha promesso sostegno e aiuti contro la povertà. Nessuna ricompensa e nessun aiuto legale o caritativo per gli sfollati. Esiste nel Paese un “darwinismo sociale”, che condanna all’emarginazione le classi rurali e fa godere di privilegi e aiuti le classi cittadine. Per gentile concessione della Jamestown Foundation.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®